Roma, è la settimana degli addii: divorzio con Spalletti ufficiale

di Gianmichele Laino | 30/05/2017

Luciano Spalletti

Settimana difficilissima per i tifosi della Roma. Con una nota pubblicata sul sito ufficiale della società, i giallorossi hanno annunciato il divorzio da Luciano Spalletti, allenatore delle ultime due stagioni. L’addio era nell’aria, ma oggi si è concretizzato. Una storia d’amore tormentata, iniziata nel 2005 e conclusa – una prima volta – nel 2009: in quei quattro anni, il tecnico di Certaldo aveva portato in bacheca due Coppe Italia e una Supercoppa italiana. Poi, il ritorno lo scorso anno e le scintille con la tifoseria sulla gestione di Francesco Totti.

LEGGI ANCHE: «Totti, sorpresa alla festa: continuo a giocare | VIDEO»

IL COMUNICATO DELLA ROMA SULL’ADDIO DI LUCIANO SPALLETTI

Oggi, all’indomani dell’ultima partita all’Olimpico del capitano della Roma, la società deve mettere a referto un altro abbandono doloroso. «Vogliamo porgere i nostri più sentiti ringraziamenti a Luciano Spalletti per il grande lavoro svolto e per l’importante contributo dato al club sin dal suo ritorno – ha affermato il presidente della Roma Jim Pallotta -. Sotto la sua guida in questa stagione, la squadra ha conquistato il maggior numero di punti e segnato più reti nella storia del club giallorosso. Auguriamo a Luciano il meglio per il futuro».

E ora parte il toto allenatore. Il favorito numero uno per la panchina giallorossa è l’attuale tecnico del Sassuolo Eusebio Di Francesco. Il suo profilo corrisponde a una linea «casalinga», visto che Di Francesco ha rappresentato un pezzo importante della storia della Roma da calciatore, uno dei simboli dello scudetto conquistato nel 2001. Un Di Francesco sulla panchina giallorossa, insomma, renderebbe meno amaro l’addio di Spalletti e sarebbe una sorta di nomina-bandiera dopo l’addio di Totti che non interromperebbe quella linea di continuità con la squadra – quella del 2001, appunto – che ha raggiunto il massimo traguardo possibile in Italia.

Altre piste, decisamente più deboli, conducono al tecnico della Fiorentina Paulo Sousa. In ogni caso, si tratta di due allenatori che hanno una impostazione di gioco piuttosto innovativa, apprezzati per il modo di mettere in campo le loro squadre. Luciano Spalletti, invece, sembra procedere a gonfie vele verso la panchina dell’Inter.

(FOTO: ANSA/CLAUDIO PERI)