Elezioni Amministrative 2016 a Bologna: i risultati dello spoglio. Boom Lega che finisce al ballottaggio col Pd

di Stefania Carboni | 06/06/2016

RISULTATI ELEZIONI COMUNALI 2016 BOLOGNA

 

I RISULTATI DELLE ELEZIONI COMUNALI 2016

Risultati Elezioni Comunali 2016 Bologna

Sotto le Due Torri è duello tra centrodestra e  centrosinistra. Dopo il primo turno, per le elezioni amministrative a Bologna sarà ballottaggio tra il sindaco uscente Pd Virginio Merola e il centrodestra con la leghista Lucia Borgonzoni. Fuori dalla sfida il M5S con Massimiliano Bugani. Chissà se alcuni voti della lista Civica di Federico Martelloni convergeranno sul primo cittadino. Erano 9 i candidati sindaco al primo turno. Non ce l’hanno fatta Federazione dei Verdi (Matteo Badiali) e il Partito Comunista dei Lavoratori (Ermanno Lorenzoni). Manes Bernardini con lista civica è arrivato invece terzo. Niente da fare per Mirko De Carli (Popolo per la famiglia) e la lista di Sergio Celloni.

SEGUI I DATI AFFLUENZA ALLE ELEZIONI COMUNALI 2016

AGGIORNAMENTI E RISULTATI IN TEMPO REALE

Ore 03.05  Ecco i dati aggiornati:

 RISULTATI ELEZIONI COMUNALI 2016 BOLOGNA

Ore 02.29 – Il dato va stabilizzandosi con la consigliera leghista ancora seconda

RISULTATI ELEZIONI COMUNALI 2016 BOLOGNA

Ore 02.08  Sezioni scrutinate sindaco: 31 / 445 – Sezioni scrutinate consiglio comunale: 22 / 445 danno Merola sul 41,30% e la leghista Borgonzoni al 22,69%. Il 5 stelle Bugani si ferma, per ora, al 15,92%

Ore 01.39 -Per QuorumSAS su SkyTG24: Merola 38,6% Borgonzoni 20,6% Bugani 17,5% Bernardini 10,8% (copertura 56%)

Ore 01.07 – Ecco la proiezione con copertura al 20 per cento. Dove il fedelissimo di Grillo scompare.

risultati elezioni comunali 2016

Ore 00.29 – Altre proiezioni. Stavolta Emg

risultati elezioni comunali 2016

Ore 00.19 Ecco le prime proiezioni a Bologna (copertura al 5 per cento) con Merola in testa al 40.

risultati elezioni comunali 2016

Ore 00.05 – Merola solo 36 per cento nella prima proiezione su La7 con Emg.

risultati elezioni comunali 2016

Ore 23.56 – A Bologna affluenza definitiva alle 23 al 59,72 per cento. Il dato precedente? 71,40 per cento.

Ore 23.17 – I primi exit poll su Bologna danno Merola uscente in vantaggio su Bugani e Borgonzoni.

Ore 19.00 – L’affluenza alle urne a Bologna alle 19 è stata del 46,44 per cento

Ore 18.30- Da alcuni seggi del centro l’indicazione sembra chiara: l’affluenza continua ad essere sostenuta.

ore 12.03 – L’affluenza alle urne a Bologna a mezzogiorno è stata data intorno al 19,91%.

ore 11.50 – Il voto per il referendum «è un voto per il futuro del Paese, per votare su di noi ci sarà il 2018». Questo il commento del ministro delle Riforme Maria Elena Boschi al Festival Economia di Trento, augurandosi una alta affluenza alle urne ad ottobre perché si tratta «di una occasione preziosa per riconquistare un ruolo di cittadinanza attiva, nelle istituzioni, nella politica in senso bello, di una comunità che prende la responsabilità del proprio futuro».

ore 11.30 – I principali candidati (su nove concorrenti) alla carica di sindaco di Bologna si sono già fatti vedere ai seggi. Si tratta dell’uscente Virginio Merola (Pd), Lucia Borgonzoni (Ln), sostenuta dal centrodestra, e Massimo Bugani (M5s). Il 5 stelle non ha votato (risiede nel vicino comune di San Lazzaro) ma ha accompagnato il fratello alle urne di via Finelli. L’ex consigliera leghista ha votato alle scuole de Amicis. I potenziali votanti a Bologna sono oltre 300mila, che oltre al primo cittadino sceglieranno per Palazzo d’Accursio 36 consiglieri. Si eleggono anche sei nuovi presidenti di quartiere: 90 consiglieri.

ore 10.00 – Il candidato del centrosinistra e sindaco uscente Virginio Merola ha votato.

risultati elezioni comunali 2016 bologna
Credits Mazzetta

Ore 9.00 – Bologna, insieme a Roma, Torino, Napoli, Milano, Trieste e Cagliari, è uno dei sette capoluoghi regionali chiamato oggi alle urne per scegliere il nuovo sindaco. Nella città emiliana la sfida è tra 9 candidati, ma a giocarsi la vera battaglia sono il sindaco uscente sostenuto dal centrosinistra, Massimo Bugani del Movimento 5 Stelle e la leghista Lucia Bergonzoni.

Ore 7.00 – Dopo mesi di campagna elettorale, si sono aperti i seggi elettorali anche a Bologna per la scelta del nuovo sindaco. Merola punta al bis.

Se avete perso la tessera elettorale, o avete esaurito gli spazi, abbiamo preparato per voi un articolo in cui spieghiamo come

guarda la gallery: 

 

I CANDIDATI

Sono 9 i candidati sindaco per queste elezioni. A Bologna corrono il sindaco uscente Virginio Merola (Centrosinistra) sostenuto dal Pd, la leghista Lucia Borgonzoni (Centrodestra), Massimo Bugani (M5S) e liste civiche.

I SONDAGGI

Le elezioni a Bologna doverebbero riservare poche sorprese per il Pd. Secondo i sondaggi il sindaco uscente Pd Virginio Merola dovrebbe essere confermato e nelle ultime consultazioni viaggiava vicino al 50% già al primo turno. Nel Pd però nulla è certo: si temono sorprese per un eventuale ballottaggio. Per queste, inizialmente, si ipotizzò un cambio cavallo con l’ex governatore Vasco Errani. Nelle settimane poi, sondaggi alla mano, arrivò la conferma dei vertici per Merola. Rimane una certa curiosità per quanto guadagnerà in voti il Movimento 5 stelle con l’ex consigliere Bugani come candidato sindaco.

COME, QUANDO E DOVE SI VOTA

Per queste elezioni si vota solo domenica 5 giugno, dalle 7 alle 23, con eventuali ballottaggi due settimane dopo, domenica 19. Si voto in un’unica giornata anche per il secondo turno.

Ma come è possibile votare? Ci sono tre possibilità:

1.  Con una “x” soltanto sul nome del Sindaco, votando così solo per il candidato Sindaco e non per la lista o le liste a quest’ultimo collegate.

2. Con una “x” sul candidato sindaco e sul simbolo di una lista a lui collegata, indicando nel caso anche la preferenza per uno dei candidati alla carica di Consigliere appartenenti alla stessa lista (è possibile esprimere due preferenze, soltanto se di sesso opposto, ndr).

Possibile è poi il voto disgiunto: ovvero si può tracciare contestualmente un segno sul nome di un candidato sindaco e il simbolo di una lista non collegato allo stesso candidato sindaco.

3. Con una “x” soltanto sul simbolo della lista. La preferenza va alla lista e al candidato sindaco che questa appoggia