«Spero che l’aereo che porterà la Juventus a Cardiff cada»: trasmissione sospesa

di Gianmichele Laino | 29/05/2017

audio Juventus premium

La trasmissione sportiva Made in Bo di Radio International, in cui sono state pronunciate frasi offensive e cariche di violenza contro i tifosi della Juventus, è stata sospesa. Lo ha chiarito Paolo Pedrini, presidente dell’emittente: «È una cosa che non tolleriamo, per noi la trasmissione finisce qui». L’editore ha fatto sapere di voler chiedere i danni a chi ha diffuso sul web solo la parte contestata della trasmissione, e non il successivo intervento di Radio International. 

La trasmissione della radio bolognese non aveva preso bene la sconfitta dei rossoblù contro la Juventus. Ma la cosa è letteralmente sfuggita di mano. Il conduttore chiede a un radioascoltatore, in diretta telefonica, un parere sulla partita appena conclusa.

ASCOLTA L’AUDIO DI RADIO INTERNATIONAL

L’ospite sbotta: «Questi riescono anche a rubare le partite che non contano niente. Spero che l’aereo che li porterà a giocare la finale di Champions League precipiti». Dai microfoni dei presenti in studio, tra cui il giornalista bolognese Leo Vicari (che si è completamente dissociato da quanto detto in trasmissione) si alza qualche protesta, messa subito a tacere dal conduttore: «Vai avanti, continua: la tua non è affatto ipocrisia, io voglio la morte di tutti gli juventini».

L’attacco, allora, continua. «Odio tutti quelli che indossano quella maglia di m**** e che sono la vergogna del calcio. Mi fanno schifo e spero che venga giù il loro aereo». Il conduttore lo incalza e lo sprona a continuare in questo monologo delirante, tra l’altro, condividendo a pieno e dicendo: «Vai avanti, sei la mia voce, sei il mio idolo».

Un episodio censurabile, dunque, avvenuto in una emittente che, nonostante abbia una diffusione locale, riesce comunque a fare opinione. E ad alimentare un odio che va ben al di là dello sfottò calcistico.

(FOTO: Alberto Lingria/Xinhua via ZUMA Wire)