«La strage di Charlie Hebdo? Hanno fatto bene». Arrestato il giovane intervistato a Quinta Colonna

di Valentina Spotti | 18/11/2015

quinta colonna charlie hebdo arrestato

Durante la puntata di lunedì di Quinta Colonna, il talk show di approfondimento di Rete4 condotto da Paolo Del Debbio, era andata in onda l’intervista a un giovane che, senza mezzi termini, giustificava e approvava la strage alla redazione di Charlie Hebdo dello scorso gennaio. Oggi si apprende che quel giovane italo-tunisino sarebbe stato arrestato il giorno seguente alla messa in onda del servizio.

quinta colonna charlie hebdo arrestato
YouTube

«LA STRAGE DI CHARLIE HEBDO? HANNO FATTO BENE» –

Parlando con l’inviato di Quinta Colonna, il giovane aveva detto:

Per me quello che hanno fatto a Charlie Hebdo è giusto, anche se si sono fatti odiare hanno fatto bene, bravi. Perché loro hanno toccato il nostro profeta. Hanno fatto bene. Noi non parliamo dei vostri profeti, di Gesù, di Mosé…

ARRESTATO –

Parole che avevano scatenato l’indignazione di molti, Matteo Salvini compreso che su Facebook aveva commentato dicendo di aver «finito le parole». Il ragazzo sarebbe stato arrestato ieri: stando a quanto si apprende sarebbe un cittadino italiano di 24 anni, di padre tunisino e madre italiana, fermato martedì alla moschea di Centocelle. L’abitazione di B.S.J., queste le iniziali del suo nome, è stata poi perquisita e gli agenti della Digos della Questura di Roma hanno trovato sostanze stupefacenti e bilancini di precisione, oltre a una serie di documenti redatti in arabo che sono ancora al vaglio degli inquirenti. B.S.J. è stato arrestato e, allo stesso tempo, denunciato per propaganda di idee fondate sulla discriminazione e l’odio razziale, etnico e religioso.
(Photocredit copertina: YouTube)