Quelli che contrabbandano birra travestita da cola in Arabia Saudita

di Redazione | 12/11/2015

I doganieri del posto di frontiera di al Batha hanno intercettato un carico di birra travestita da Pepsi Cola che stava per essere contrabbandato dagli Emirati Arabi Uniti all’Arabia Saudita, dove l’alcol è proibito.

heineken pepsi

LE HEINEKEN TRAVESTITE DA PEPSI –

Il camion che si è presentato al posto di frontiera di al Batha sembrava carico di Pepsi Cola, 48.000 lattine per l’esattezza, ma i doganieri non si sono fatti ingannare. nel corso dell’ispezione è infatti apparso evidente che si trattava invece di lattine di birra Heineken «travestite» da Pepsi grazie all’apposizione di un’etichetta della famosa cola, che copriva ogni traccia di birra presente sulle lattine.

LEGGI ANCHE: Principe saudita fermato con 2 tonnellate di droga a Beirut

UN DIVIETO UNICO IN ARABIA SAUDITA –

La storia ha fatto sensazione sui socila network, dove il proibizionismo alcolico dell’Arabia Saudita eccita sempre un pubblico numeroso tra musulmani e no. Nonostante l’alcol sia proibito dalla religione musulmana, l’Arabia Saudita è comunque l’unico paese che punisce l’importazione e la vendita a dispetto comunque della presenza di milioni di residenti che musulmani non sono e dei musulmani che invece vorrebbero bere a dispetto del divieto imposto dal clero.