Sara Di Pietrantonio, i due scooteristi non si sono fermati perché «avevano paura per la loro incolumità»

di Redazione | 31/05/2016

Sara Di Pietrantonio

«Hanno detto di non aver capito bene cosa stava succedendo e, comunque, avevano paura per la loro incolumità». Sara Di Pietrantonio ha chiesto aiuto, invano: nei 200 metri di corsa per sfuggire alla furia del suo ex fidanzato Vincenzo Paduano, incrocia già cosparsa di alcool almeno due scooteristi, identificati e interrogati. Il virgolettato, riportato oggi da Massimo Lugli su Repubblica, è del procuratore Maria Monteleone che nella conferenza stampa convocata ieri ha ricostruito gli ultimi istanti di vita della 22enne studentessa romana, arsa viva alle 4 di domenica scorsa, a Roma, quartiere Magliana. E fatto un appello, accorato: «Invito chi si imbatte di notte in una ragazza che chiede aiuto a non restare indifferente ma quantomeno a chiamare le forze dell’ordine». Perché Sara poteva essere salvata, sarebbe potuta sfuggire al piano criminale, atroce, tessuto da quel mostro che non si arrendeva alla fine della loro storia d’amore.

LEGGI ANCHE L’indegno sommario di Libero su Sara Di Pietrantonio

Scrive Repubblica in merito ai due testimoni a cui Sara Di Pietrantonio ha chiesto aiuto, disperata, e che hanno tirato dritto:

I due non rischiano nulla, dal punto di vista giudiziario, perché la vigliaccheria e l’egoismo non compaiono, come reati, nel codice penale. In quello morale sì, ma questa è un’altra storia. A nessuno può essere chiesto di diventare un eroe ma una telefonata al 113, magari a distanza di sicurezza, non è certo un gesto di valore

E la morte di una giovane donna diventa l’istantanea di una città persa, il simbolo di una Roma che non riconosce più se stessa:

La realtà che emerge da questa tragedia è quella di una fetta di Roma indifferente, terrorizzata, vile, omertosa, che sembra aver abdicato ai suoi tradizionali valori di solidarietà e di altruismo. La capitale coracciona, bonaria, soccorrevole di una volta sembra essersi dissolta nella notte di una periferia dimenticata

Photocredit copertina ANSA/MASSIMO PERCOSSI