Nba Finals 2015, Golden State Warriors vincono il titolo in gara-6

di Andrea Mollica | 17/06/2015

Nba Finals 2015

Nba Finals 2015

, i Golden State Warriors sono i nuovi campioni. La squadra di Stephen Curry ha conquistato l’anello grazie al successo sul parquet dei Cleveland Cavaliers. LeBron James ha fatto un’altra prestazione eccezionale, ma i suoi 32 punti e ben 18 rimbalzi non sono serviti per contenere la superiorità dei Golden State Warriors, che così conquistano il loro quarto titolo della storia, il primo dal 1975.

NBA FINALS 2015

– I Golden State Warriors hanno vinto le Nba Finals 2015 grazie alla vittoria per 105 a 97 in gara-6 in casa dei Cleveland Cavaliers. La squadra allenata da Steve Kerr ha dimostrato ancora una volta la sua superiorità nella fase offensiva, che ha colmato la debolezza sotto canestro dimostrata in tutte le partite della serie. La chiave del successo di Golden State è stata la sua capacità di sfruttare più soluzioni d’attacco, come dimostrato anche dai realizzatori di gara-6. Stephen Curry, la stella dei Warriors, ha realizzato 25 punti, lo stesso numero di Andre Iguodala, il giocatore decisivo di queste Nba Finals 2015. Iguodala ha realizzato 25 punti, e con questa nuova grande prestazione ha conquistato il titolo di MVP delle finali. Mentre i Cleveland Cavaliers hanno potuto contare quasi esclusivamente sui punti e il gioco offensivo di Lebron James, Golden State Warriors ha trovato moltissimi canestri al di fuori degli Splash  Brothers Stephen Curry e Klay Thompson, piuttosto deludente anche in gara-6. Matthew Dellavedova, decisivo per le vittorie di Cleveland di gara-2 e gara-3, ha realizzato solo 1 punto nell’ultima partita delle Nba Finals 2015. Neanche la ripresa di JR Smith sulla fine della serie ha permesso ai Cavaliers di tornare competitivi.

LEGGI ANCHE

Nba Finals, l’inno americano suonato dai Metallica – VIDEO

Nba Finals, Golden State Warriors a una vittoria dal titolo, gara-5 a Oakland

Nba Finals 2015, Golden State Warriors pareggia la serie sul 2-2

GOLDEN STATE WARRIORS CAMPIONI – Il momento chiave delle Nba Finals 2015 è stato probabilmente l’infortunio di Kylie Irving in gara-1. Senza i suoi punti e i suoi assist i Cleveland Cavaliers avrebbe potuto vincere solo con prestazioni mostruose di LeBron James, e performance sorprendenti dei giocatori meno bravi, vista anche l’assenza del miglior lungo della squadra, Kevin Love. LeBron James è stato eccezionale per tutte le Nba Finals, ma solo i lunghi Mozgov e Thompson hanno fornito un contributo rilevante con continuità. I Golden State Warriors sono stati una squadra superiore per tutta la stagione, e a parte lo sbandamento iniziale, hanno sempre mostrato di essere più forti dei Cleveland Cavaliers in queste Nba Finals 2015. Gara-6 ha seguito un copione ormai consueto: una partita equilibrata nelle fasi iniziale, in cui poi è emersa la maggior forza offensiva dei Golden State Warriors quando a Cleveland ha iniziato a sentire la fatica verso la fine della partita. Il titolo Nba torna così a Oakland dopo ben 40 anni,e il basket americano può celebrare la definitiva conferma della nuova stella Stephen Curry. I Cleveland Cavaliers hanno mancato l’appuntamento con la storia per vincere il loro primo anello, ma vista la debolezza degli avversari all’Est, la squadra di LeBron James potrà probabilmente giocarsi altre chance nei prossimi anni.

Photocredit: TIMOTHY A. CLARY/AFP/Getty Images