Post negazionisti e contro i migranti: ecco perché in Italia Facebook non li modera

di Gianmichele Laino | 25/05/2017

Facebook paga

Ne abbiamo letti tanti, specialmente negli ultimi giorni. Post di haters che si scagliano contro i migranti e che negano la portata dell’olocausto ebraico durante la Seconda Guerra mondiale. In Italia spuntano fuori a ogni sbarco, nelle immediate vicinanze della Giornata della memoria, su account e pagine ispirate da posizioni razziste ed estremiste. Eppure, Facebook non agisce e non li modera nel nostro Paese.

LEGGI ANCHE: «Naufragio Libia, se neanche 31 morti riescono a fermare l’odio sui social»

MODERAZIONE FACEBOOK: DUE PESI E DUE MISURE

Un’inchiesta del quotidiano britannico The Guardian spiega il perché. La consultazione di una guida di 16 pagine che Facebook fornisce ai suoi moderatori per orientarli nel loro lavoro fa emergere alcune indicazioni che sembrano quantomeno contraddittorie.

Si prenda il caso del negazionismo dell’olocausto. Secondo la guida, vi sono 14 Paesi – tra quelli in cui il social network di Mark Zuckerberg è diffuso – che hanno un qualche accenno, nelle loro legislazioni, al divieto di negare la strage di ebrei nel corso della Seconda Guerra mondiale. Ma tra questi, soltanto quattro – Germania, Israele, Francia e Austria – applicano regolarmente delle misure legali contro chi non mette in pratica questa prescrizione.

Dunque, Facebook – spaventato dalle possibili ripercussioni legali – modera i commenti antisemiti soltanto in questi quattro Paesi, lasciando scoperti tutti gli altri. Tra cui, appunto, l’Italia. La moderazione dei post sulla negazione dell’olocausto, quindi, non sarebbe una questione di principio, una sorta di policy del social network da applicare indistintamente e ovunque. Sarebbe, al contrario, un’azione dettata semplicemente dal fatto di voler evitare problemi con la legge. Della serie, modero i post antisemiti non perché credo alla causa, ma solo perché mi conviene.

Un esempio che viene riportato nella guida riguarda un’immagine di un campo di concentramento con la scritta «Non credere più alle bugie»: questa, secondo le direttive di Facebook, potrebbe essere postata ovunque, tranne nei quattro Paesi in cui si temono azioni legali.

MODERAZIONE FACEBOOK: I MIGRANTI SONO CATEGORIA SEMI-PROTETTA

 

Va ancora peggio (perché la policy è la stessa dappertutto) per migranti e rifugiati. Qui, il discorso – se vogliamo – è ancora più complesso. Si tratta di una categoria «semi-protetta» perché le discussioni che riguardano i profughi vengono considerate «hot topic». E, quindi, secondo i vertici di Facebook, bisognerebbe lasciare libertà di espressione agli utenti. Se vengono censurati i post che contengono vere e proprie «chiamate alla violenza» contro i rifugiati, lo stesso non accade per quei commenti che sono «semplicemente» offensivi.

Un esempio? «Uccidiamo tutti i migranti» è un post che viene regolarmente censurato, ma «fottuti migranti», «l’Islam è religione di odio, chiudiamo i confini contro i migranti musulmani», «teniamo lontani i giovani migranti eccitati dalle nostre figlie» possono essere consentiti.

Non c’è da stupirsi, dunque, che i social network diventino quotidianamente delle fucine di odio. La guida, comunque, specifica di dare maggiore attenzione alle categorie –  queste sì – protette. Si tratta, ad esempio, degli omosessuali e dei bisessuali, per i quali si applica un rigido codice di intervento in casi di post e commenti orientati all’odio. Ma perché usare misure differenti nei confronti delle altre categorie sensibili? In nome del profitto economico, viene da pensare, si sacrificano alcune cause e si applicano due pesi e due misure.

(FOTO: Armin Durgut via ZUMA Wire)