Matteo Renzi e il nuovo aereo presidenziale da 175 milioni di euro (voluto da Letta?)

di Redazione | 12/09/2015

matteo renzi onu

Matteo Renzi cambia aereo. Non più il vecchio A319 CJ che costringeva i premier a lunghi scali ma bensì un (probabile) A330. Dal valore di oltre 175 milioni di euro. In leasing, perché gli arei non si comprano. Racconta il Corriere della Sera:

Era probabilmente il leader del G8 con l’aereo presidenziale più piccolo, una sorta di Cinquecento degli Airbus, un A319 CJ che ha costretto per anni i presidenti del Consiglio di turno, da Monti a Letta, da Prodi e D’Alema a Berlusconi, a fare scalo ogni cinque ore, o poco più, se gli impegni internazionali reclamavano una presenza a una distanza superiore a sei meridiani rispetto all’Italia. Ora Matteo Renzi ha deciso di cambiare e prendere una «berlina» dei cieli: anche se a Palazzo Chigi non confermano e non commentano, e anche se alcune fonti dicono che la pratica sia stata avviata da Enrico Letta, il premier ha deciso di dare il via libera all’ordine di un nuovo mezzo per i suoi spostamenti: grande il doppio e cinque volte più capiente dell’attuale, valore stimato in circa 200 milioni di dollari (oltre 175 milioni di euro), secondo indiscrezioni un A330, capace del medio e del lungo raggio.
Insomma non ci sarà più bisogno di fare rifornimento in Siberia, o in Kazakhstan, in alcuni casi in entrambi i Paesi, quando ci sarà da spostarsi in Asia, con tappe notturne obbligate e magari anche un meeting ad Astana alle quattro del mattino, come capitò fra gli altri a Mario Monti.

LEGGI ANCHE: Tennis, UsOpen2015: finale Pennetta-Vinci, Renzi va a New York

Un mezzo con camera matrimoniale, divanetti per lo staff, possibilità di imbarco dei giornalisti che seguono il premier.

Il costo mensile sul mercato varia da 700 mila a un milione di euro, dovrebbe esser pronto fra qualche settimana, non in tempo comunque per la trasferta a New York, a fine mese, per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. «Sarà molto più tecnologico dell’attuale e connesso a Internet», ha rivelato lo stesso Renzi, a luglio, nel corso del viaggio in Etiopia.

(in copertina foto ANSA / US PALAZZO CHIGI)