Le telerissa tra Mario Mauro e Gino Strada a Servizio Pubblico

di Redazione | 28/03/2014

Botte da orbi tra l’ex ministro della Difesa Mario Mauro e il fondatore di Emergency Gino Strada nel corso della puntata di ieri di Servizio Pubblico, in onda su La7. Il dibattito sull’Afghanistan è degenerato non appena Mauro ha definito «legittimato» l’intervento militare delle forze armate italiane. «Non dica sciocchezze!», ha prontamente risposto Strada. «Avete fatto solamente un atto di servilismo rispetto agli Stati Uniti d’America!».

 

mario mauro servizio pubblico

 

«STIA ZITTO, FANTASMA!» – La replica al vetriolo non si è fatta attendere. «Ma un atto di servilismo rispetto a che cosa? All’undici settembre?», ha chiesto ad alta voce Mauro. «Ma lo faccia lei l’atto di servilismo! Ma di che sta parlando? Ma si rende conto di quello che sta dicendo?», ha gridato l’ex ministro. Poi ancora Strada: «Stia zitto! Lei in Afghanistan al massimo ha visto la base militare… Ma dove cazzo sei stato?». «Ma dove cazzo stai tu, che sei un fantasma? Non sai di cosa parli!», ha replicato Mauro. Infine la battuta di Strada: «Lasciamo stare, è come discutere con l’aspirapolvere!».

gino strada servizio pubblico

(Fonte immagini e video: Servizio Pubblico / La7)