Malagò: «Doping Russia? Se c’è chi collabora le sanzioni possono essere ridotte»

di Redazione | 12/11/2015

malagò doping russia

Al termine del convegno ‘Donne e Sport nell’Italia del futuro: senza barriere’, il presidente del Coni Giovanni Malagò ha parlato ai cronisti: «Io e Montezemolo abbiamo fortissimamente voluto Diana Bianchedi nel comitato per Roma 2024. Una donna di sport, con il suo passato professionale, manageriale e anche di esperienza nel Comitato Olimpico, è un valore aggiunto di cui siamo orgogliosi. Il doping della Russia? Sembra che l’inchiesta sia partita anche da una deposizione di Schwazer. Sta emergendo un quadro estremamente allarmante. Si legge che possano essere coinvolte altre federazioni e nazioni. Bisogna ridare credibilità all’ambiente dell’atletica leggera, che è molto compromesso. Mi sembra che ci siano delle apertura: se c’è da parte loro la disponibilità a collaborare e di ammettere potrebbe essere una soluzione per impedire una soluzione drastica. Se c’è si collabora le sanzioni possono essere ridotte, se c’è muro contro muro vedo difficile trovare una soluzione».

LEGGI ANCHE: Roma2024, Malagò assicura: «Renzi è il nostro primo tifoso», ma il Premier tace

guarda il video:

(Andrea Corti/alaNEWS)