Libero pensa che la mafia italiana sia un vanto e si dispiace che quella nigeriana ci abbia sottratto il «primato»

di Gianmichele Laino | 27/09/2017

mafia nigeriana

Ma che titolo ha fatto Libero? Non è la prima volta che ci siamo posti questa domanda, ma oggi siamo al surrealismo puro. Questa volta c’è di mezzo la mafia nigeriana che, per portata – secondo alcune fonti della stampa internazionale -, avrebbe superato le ramificazioni di quella italiana. E il quotidiano diretto da Vittorio Feltri quasi se ne dispiace.

LEGGI ANCHE > Libero accusa i migranti di portare miseria, stupri e ora anche malaria

MAFIA NIGERIANA, LA PRIMA PAGINA DI LIBERO

Il titolo in prima pagina proposto da Libero, infatti, recita così: «Arriva la mafia nigeriana e batte la nostra: è il colmo». Nell’occhiello, invece, si legge «L’Italia perde il primato pure in campo criminale». Insomma, si legge un certo rammarico nella chiave con cui viene proposta questa notizia. Peccato che il «primato criminale» dell’Italia sia proprio l’ultima cosa di cui vantarsi.

Il quotidiano diretto da Feltri, però, sembra pensarla diversamente e, pur di alimentare i populismi xenofobi, riesce a mettere in competizione due tipologie diverse di criminalità organizzata, «tifando» per quella italiana e puntando il dito sul fatto che quella nigeriana sia diventata più forte. Un vero e proprio paradosso.

MAFIA NIGERIANA E IL «RAMMARICO» PER IL PRIMATO ITALIANO PERDUTO

Nell’editoriale, Feltri ricorda con una certa nostalgia – quasi fossero bei tempi andati – quando gli italiani mafiosi, stereotipo prodotto da film come Il Padrino e la Piovra, erano conosciuti (e temuti) in tutto il mondo. Invece, adesso, quel periodo è alle spalle: «Ci hanno battuto i nigeriani – ha scritto Feltri – la cui mafia è approdata nella penisola distinguendosi nella tratta dei migranti. Dirigono il traffico di sfigati che si imbarcano per invaderci e ridurre le città a fogne a cielo aperto».

Questa la sintesi del Feltri pensiero. Il nostro, invece, è quello che, se c’era un «primato» di cui proprio non andavamo fieri, è quello della leadership nella criminalità organizzata. Che, in ogni caso, a qualsiasi nazionalità appartenga, resta un problema serio e drammatico che deve essere affrontato dalle forze dell’ordine. Ma non con il taglio di Libero. Che sembra davvero divertente come una barzelletta riuscita male.

TAG: Libero