Luca Varani: nel computer di Marco Prato c’è un video delle torture?

di Redazione | 16/03/2016

omicidio luca varani ricostruzione

Mentre i genitori di Luca Varani rompono il silenzio e dichiarano di non poter perdonare gli assassini del proprio figlio, per i quali invocano la pena di morte, gli investigatori continuano le indagini sull’omicidio del 23enne romano, ucciso da Manuel Foffo e Marco Prato due settimane fa nell’appartamento al Collatino. Ed è proprio sul computer di Marco Prato che si concentrano le indagini: il pc del giovane è stato sequestrato ieri dagli inquirenti su ordinanza della procura, che ha ipotizzato l’esistenza di un video in cui sarebbero registrate le torture subite da Luca Varani durante quelle 48 ore in balia di Foffo e Prato.

LUCA VARANI: C’È UN VIDEO DELLE TORTURE?

Scrivono Fulvio Fiano e Rinaldo Frignani sul Corriere della Sera:

Il computer non era infatti in casa di Foffo al momento dell’omicidio, ma gli investigatori dell’Arma – che hanno già sequestrato gli smartphone dei due assassini – cercano nella memoria del portatile le tracce di una nuova inquietante pista: il massacro di Varani potrebbe essere stato messo in rete attraverso i canali (siti, social) «specializzati» nella ripresa di pratiche sessuali estreme e nel relativo scambio di immagini. Un po’ come avviene nel mondo della pedopornografia.

Nelle prossime ore Manuel Foffo e Marco Prato saranno nuovamente interrogati: per Marco Prato si tratta della sua prima deposizione davanti al magistrato. Da giorni i due giovani si rimpallano le accuse su chi abbia maggiori responsabilità nella morte di Varani.

LEGGI ANCHE:

Come è morto Luca Varani: l’autopsia

Omicidio Luca Varani. “Lo colpivamo, si riprendeva sempre”. E’ morto dissanguato

Omicidio Luca Varani, il mistero dei 23 verbali che non combaciano

(Photocredit copertina: ANSA)