Laura Forgia piange in diretta, Michele Guardì si scusa con una rosa

di Redazione | 06/10/2017

Laura Forgia

Laura Forgia piange in diretta per un rimprovero del Comitato, il nickname utilizzato dal regista dei Fatti Vostri Michele Guardì per i suoi interventi in audio durante la trasmissione.  Lo storico regista Rai nella puntata di oggi si è però scusato con una rosa. Nella trasmissione di ieri la showgirl che ha preso il posto di Adriana Volpe è stata rimproverata, insieme a Giancarlo Magalli, per aver sbagliato busta durante il gioco con i telespettatori. Una signora in collegamento telefonico aveva chiesto di aprire la busta A, ma per errore Laura Forgia ha consegnato la B a Giancarlo Magalli. Il conduttore non si è accorto dell’errore, e i due presentatori de I Fatti Vostri sono stati redarguiti dal Comitato. Michele Guardì ha avuto un vero e proprio battibecco con Magalli, anche se meno aspro di quanto era capitato tra lo stesso conduttore e Adriana Volpe. Ecco la trascrizione

LAURA FORGIA PIANGE AI FATTI VOSTRI | VIDEO

“La signora ha detto A. Concentriamoci, tanto una cosa dovete fare, fatela”, ha detto Guardì, “Sono rimasta alla musica e all’amore di Giò Di Tonno”, ha risposto Laura Forgia. “Sì sì, e perciò poi cala il gioco, perché fate una cosa che non deve succedere”, la replica del Comitato.Magalli è intervenuto a difesa di Laura Forgia: “Ma Comitato, poi ce le possiamo dire al bar queste cose? Non è che ce le dobbiamo dire qua per forza”. “No, no, qua, qua… Lei è uno che le cose le dice in diretta“,  la risposta di Guardì . “Vabbè, ma dico cose interessanti”, ha proseguito Magalli. “Sì, mi ricordo, come no“, ha chiuso con una risata il regista.

LEGGI ANCHE > LA GAFFE DI LUIGI DI MAIO SU CESARE BATTISTI: «FERITI DAGLI ANNI DELLO STRAGISMO»

Laura Forgia è stata visibilmente colpita dalle parole di Michele Guardì, e in un frammento successivo della trasmissione è scoppiata a piangere. La puntata di oggi si è aperta con le scuse del regista, che ha rimarcato come il Comitato ieri sia stato un po’ briccone, una parola su cui Magalli ha ironizzato.