Imposimato casca sulla bufala della bimba morta per dieci vaccini

di Redazione | 07/09/2017

Ferdinando Imposimato

Ferdinando Imposimato ha rilanciato sul suo profilo Facebook la bufala della morte per dieci  vaccini collegata alla scomparsa della piccola Sofia Zago. La bambina trentina è deceduta due giorni fa all’ospedale civile di Brescia dopo aver contratto la malaria, malattia che purtroppo non è stata riconosciuta immediatamente a causa della sua sostanziale scomparsa dal nostro Paese. In Italia non solo non si moriva più di malaria da molto tempo, ma non ci sono in teoria neppure le condizioni perché questa malattia possa comparire, visto che le zanzare che la trasmettono non possono sopravvivere in un clima come il nostro.Imposimato

IMPOSIMATO RILANCIA LA BUFALA SUI VACCINI CAUSA DELLA MORTE DELLA PICCOLA SOFIA

La morte di Sofia Zago è al momento ancora piuttosto misteriosa, visto che i medici non sono ancora in grado di capire come la piccola possa aver contratto la malaria. Anche l’ipotesi che sia stata trasmessa da due bambine del Burkina Faso ricoverate nello stesso ospedale di Sofia è al momento scartata. Sui social media si è diffusa una brutta bufala sul fatto che la piccola sia stata uccisa dalla vaccinazione obbligatoria prevista dal decreto Lorenzin. Una finta notizia senza alcun fondamento scientifico, che strumentalizza in maniera orrenda una tragedia, che però è stata ripresa da un importante personaggio pubblico, l’ex presidente onorario della Corte di Cassazione Ferdinando Imposimato. Sul suo profilo Facebook il magistrato napoletano ha scritto:  «Se la bambina ha fatto i 10 vaccini e poi è morta occorre accertare se essi siano stati la causa della morte».

LEGGI ANCHE > L’ORRENDA BUFALA DI SOFIA MORTA PER I VACCINI E NON PER LA MALARIA | AUDIO

Imposimato è da tempo schierato su posizioni vicine al movimento free-vax che si oppone all’obbligo di vaccinazione, ma questo tipo di prese di posizioni rappresentano un danno per chi ha questa sensibilità. La morte della piccola Sofia non c’entra nulla con i vaccini, con il decreto Lorenzin, e un simile dramma deve esser rispettato da tutti, senza squallide e terrificanti strumentalizzazioni. Tanto più se si tratta di persone come Imposimato, che hanno un importante profilo pubblico e istituzionale.

Foto copertina: Leo Claudio De Petris/Pacific Press via ZUMA Wire