Game of Thrones 6×05: la scena più straziante di sempre che fa piangere tutto il web [SPOILER]

di Redazione | 23/05/2016

game of thrones 6x05 hodor

Game of Thrones 6×05, il quinto episodio della sesta stagione di Game of Thrones, è andato in onda la notte scorsa su HBO e ha scatenato un’ondata di commenti sul web e anche qualche lacrima. Questo a causa di quello che succede a un personaggio particolarmente amato di Game of Thrones, protagonista di questo episodio. Se non avete ancora visto Game of Thrones 6×05 The Door e non volete avere a che fare con nemmeno il più piccolo spoiler, vi consigliamo di non leggere oltre. Ma, piuttosto, di guardare l’episodio e poi magari tornare qui per piangere un po’ insieme.

*** Attenzione Spoiler ***

GAME OF THRONES 6×05 THE DOOR

Questa puntata, oltre a passare alla storia per contenere quella che con tutta probabilità sarà una delle scene più strazianti di tutta la stagione, mostra anche come passato e presente interagiscano tra di loro, per lo meno nelle visioni che il giovane Bran Stark ha del passato. Ed è proprio in una di queste visioni che, insieme a Bran, vediamo suo padre, Ned Stark, insieme a un giovanissimo Hodor: i due sono ragazzini. Scopriamo anche che all’epoca Hodor si chiamava Wylis, ed era fedelissimo a Ned come oggi lo è a Bran. Nel frattempo, nel presente, Bran si fa toccare dal capo degli Estrani e, senza via di scampo, rivela loro dove si nasconde nella caverna con Meera, il Corvo con Tre Occhi, i Figli della Foresta e lo stesso Hodor. Nel tentativo di resistere all’assalto degli Estranei Meera dice a Hodor di tenere chiusa la porta – Hold the door, in inglese NdR. – e lui con tutta la sua stazza, si mette contro la porta tenendola serrata con il suo peso.

GAME OF THRONES 6×05 HODOR

Nel frattempo, nella visione del passato che ha Bran, il giovane Hodor/Wylis cade in una sorta di trance: è il presente che interagisce con il passato. Il giovane Wylis è a terra e grida ripetutamente Hold the door Hold the door Hold the door finché, nella concitazione del momento, quell’Hold the door non diventa Hodor. Si tratta dell’unica parola che Hodor pronuncerà mai in tutta la serie, la prima e l’ultima visto che il gigante buono fedelissimo di Bran Stark si sacrifica per lui: solo ora conosciamo per intero la sua storia e il suo doppio sacrificio per Bran Stark: in tutti quegli anni il suo unico scopo è stato raggiungere quel momento per tenere chiusa quella porta.

 

LEGGI ANCHE: I personaggi di Game of Thrones prima e dopo la cura del trono di spade

 

GAME OF THRONES 6×05 HODOR E LE REAZIONI DEL PUBBLICO

 In Game of Thrones 6×05 scopriamo non solo perché Hodor si chiama Hodor, ma anche il motivo della sua natura: Hodor non è sempre stato così e, per quanto in molti diranno che era troppo buono per un mondo tanto cattivo, scopriamo anche – ma troppo tardi – che il suo ruolo è molto più cruciale di quanto avessimo mai potuto sospettare, non soltanto legato al destino di “gigante buono” protettore di Bran Stark. Naturalmente, il sacrificio di Hodor ha scatenato un fiume di lacrime sui social media: tutti ora, piangono il buon Hodor.


(Photocredit copertina: Web)