Düsseldorf, due italiane ferite nell’aggressione con l’ascia in stazione

di Redazione | 10/03/2017

Düsseldorf

Düsseldorf, due italiane sono state ferite nell’aggressione con l’ascia verificatasi ieri sera alla stazione Sant’Agostino della città tedesca. Lo ha comunicato il responsabile della polizia locale, Norbert Wesseler. Le due italiane non sono in pericolo di vita. Come rimarcato dalle autorità, le nove persone colpite con l’ascia utilizzata da Fatmir H. non corrono rischi per la sopravvivenza. L’aggressione con l’ascia alla stazione di Düsseldorf aveva provocato il ferimento giudicato grave di tre persone, di cui una si trovava in una situazione critica. Il console di Colonia Emilio Lolli ha spiegato che i feriti italiani sono due italiane, zia e nipote, provenienti da Bergamo. Le due italiane sono state colpite in modo lieve. Una delle due è stata dimessa questa mattina dall’ospedale, prima ancora che il diplomatico italiano si recasse a visitarla dopo esser stato informato di quanto accaduto. Il presidente del Bundesland tedesco, Hannelore Kraft, ha informato il console Lolli in merito al numero dei feriti italiani, due e non uno come precedentemente comunicato. La ministro presidente ha assicurato alle due italiane ferite il sostegno del Land tedesco, sottolineato dal console dopo le polemiche della famiglia di Fabrizia Di Lorenzo verso la Germania.

LEGGI ANCHE> Düsseldorf, cosa si sa delle aggressioni in stazione con l’ascia

Le altre persone ferite dall’ascia di Fatmir H. sono tutti tedeschi, residenti in Nordreno-Vestfalia. Tra i feriti in modo grave c’è anche un ragazzo di 13 anni, colpito al braccio. L’attentatore viene dal Kosovo, ha disturbi mentali gravi, e in questo momento si trova ancora in gravi condizioni dopo esser caduto dal ponte durante la fuga. La polizia esclude motivazioni estremistiche o terroristiche. Oggi a Düsseldorf c’è stato un attacco con un machete.

Foto copertina: Ansa