Diffamazione: chi condivide post offensivi su Facebook non fa reato

di Redazione | 07/02/2016

facebook diffamazione

Per chi condivide post offensivi in un gruppo su Facebook, con l’aggiunta di un semplice commento privo di insulti, non si configura il reato di diffamazione aggravata. A stabilirlo una sentenza (n. 3981/2016) della quinta sezione penale della Cassazione. Il verdetto
diffuso dallo “Studio Cataldi” è stato emesso il 29 gennaio scorso.

LEGGI ANCHE:

Roberto Formigoni e il tweet omofobo contro il ddl Cirinnà: la Rete lo massacra

DIFFAMAZIONE FACEBOOK: SE CONDIVIDI SENZA COMMENTARE NON ESISTE

– Nella sentenza è stato accolto il ricorso di un uomo condannato in appello per il reato di diffamazione aggravata: il fatto non sussiste. Secondo la Suprema Corte l’imputato, pur condividendo l’opinione critica espressa da altri, non ha avuto una condotta offensiva né essa può desumersi dal contesto in cui ha manifestato il suo giudizio critico.

LEGGI ANCHE:

“Amici nelle vicinanze” di Facebook: come si attiva (o come si disattiva)

guarda la gallery:

(in copertina foto d’archivio JONATHAN NACKSTRAND/AFP/Getty Images)