La Corte Costituzionale blocca la seduta del parlamento catalano in cui si sarebbe dovuta proclamare l’indipendenza

di Gianmichele Laino | 05/10/2017

corte costituzionale blocca indipendenza

La Spagna gioca d’anticipo sul parlamento della Catalogna. Nella prossima seduta del 9 ottobre, l’assemblea locale avrebbe proclamato l’indipendenza, convalidando i dati del referendum del 1° ottobre. Ma la Corte Costituzionale ha ammesso un ricorso presentato dal Partito socialista catalano contro la sessione plenaria della seduta.

LEGGI ANCHE > Sergio Ramos provoca la Catalogna e Piqué su Instagram

CORTE COSTITUZIONALE BLOCCA INDIPENDENZA

Secondo i socialisti della Catalogna, infatti, la seduta e i suoi contenuti costituirebbero una palese violazione della Costituzione e un azzeramento dei diritti dei deputati nazionali. In questi casi, la Corte Costituzionale può adottare un provvedimento d’urgenza e bloccare i parlamenti locali. Niente seduta, niente indipendenza, quindi.

CORTE COSTITUZIONALE BLOCCA INDIPENDENZA, LE PROTESTE

La decisione, tuttavia, farà discutere e non mancherà di avere conseguenze sui già fragili equilibri spagnoli. L’alto tribunale iberico ha motivato il provvedimento con «le rilevanti e generali ripercussioni sociali ed economiche» che deriverebbero dalla dichiarazione di indipendenza. Una dichiarazione che era stata ampiamente annunciata dal presidente catalano Carlos Puigdemont. 

Sui social network si stanno già rincorrendo iniziative più o meno spontanee. Sotto osservazione, ora più di prima, ci sono le manifestazioni in programma sabato prossimo, già organizzate. Adesso, con la decisione della Corte Costituzionale spagnola assumeranno inevitabilmente un altro senso.