Coppia dell’acido, Martina Levato: «Volevo purificarmi per Alex dalla mia vita frivola»

di Redazione | 13/11/2015

Alexander Boettcher Martina Levato

Martina Levato, la ragazza che assieme al fidanzato Alex è accusata di aver aggredito un suo ex con l’acido, ha parlato durante il processo descrivendo la sua vita con il broker e i motivi dei suoi gesti. Ne parlano le agenzie

COSA HA DETTO MARTINA LEVATO

“Mi sentivo sporca, avevo avuto una vita frivola, senza valori. Ho avuto troppi uomini ed ero trattata come un oggetto sessuale. Soltanto Alex mi rispettava”.  Nel corso del processo con rito abbreviato, che si svolge a porte chiuse davanti al gup Roberto Arnaldi, la 24enne ha spiegato che, dopo aver raccontato a Boettcher dei suoi flirt e tradimenti, il 30enne è rimasto “sconvolto”al punto da “piangere davanti ai miei familiari”. E’ per questo, ha fatto mettere a verbale la ragazza, che questa mattina sta rispondendo alle domande del pm Marcello Musso, che aveva “deciso di prendere la mia vita in mano da protagonista”. Il punto è che “volevo diventare mamma” e così “ho deciso di risolvere il mio passato”.

COPPIA DELL’ACIDO, IL RACCONTO DI MARTINA

Martina ha parlato del suo incontro alla discoteca Divina con Giuliano Carparelli, che la “coppia dell’acido” con il complice Andrea Magnani tentò di sfigurare con il liquido corrosivo il 15 novembre 2014. L’agguato fortunatamente non andò a buon fine, perché il fotografo riuscì a ripararsi con un ombrello. “Tra noi c’è stato solo un bacio alla discoteca Divina – dice la Levato- Nessun rapporto sessuale, mi sono rifiutata perché eravamo in mezzo alla strada”.