Carrie Fisher è morta: addio alla principessa Leia di Star Wars

di Redazione | 27/12/2016

Carrie Fisher

Carrie Fisher è morta. A darne notizia il sito «Tmz». In seguito è arrivata la conferma di un portavoce della famiglia. L’attrice, conosciuta come principessa Leia di Star Wars, aveva 60 anni. Il 23 dicembre è stata ricoverata dopo un attacco cardiaco mentre era in volo su un aereo proveniente da Londra. Si trovava a Los Angeles e le sue condizioni sembravano stabili.

Era ricoverata in terapia intensiva all’Ucla Medical di Los Angeles. In un breve comunicato inviato da un portavoce della famiglia al magazine ‘People’, si legge che “è con profonda tristezza che Billie Lourd (la figlia dell’attrice) conferma che la sua amatissima madre e’ morta alle 8,55 di questa mattina”, le 17,55 in Italia. “Il mondo l’ha amata e ne sentirà profondamente la mancanza”, si legge ancora nella nota della figlia che ringrazia “per i pensieri e le preghiere”.

LEGGI ANCHE: Star Wars: Carrie Fisher si difende da chi la critica per l’età e l’aspetto fisico

CARRIE FISHER MORTA: NON SEMPRE PRINCIPESSA LEIA

Nata a Beverly Hills nel 1956 Carrie era diventata celebre per aver interpretato la principessa Leia di «Star Wars». Aveva recitato per George Lucas nel 1977 e ne «L’impero colpisce ancora» del 1980 e «Il ritorno dello Jedi» nel 1983. Ebbe problemi con la tossicodipendenza tanto da rischiare la sua parte nel film «The Blues Brothers». Carrie soffriva di disturbo bipolare dall’età di 24 anni. Nel 1983 sposò Paul Simon ma la relazione, travagliata, durò fino al 1991. Carrie Fisher era tornata nel cast di «Star Wars» nel 2015 per «Star Wars: Il risveglio della forza».

(in copertina foto AP Photo/20th Century-Fox Film Corporation)