Calcioscommesse, altre 16 partite nel mirino. Cinque sono di Serie A

di Redazione | 25/05/2016

Calcioscommesse Serie A

Frosinone-Milan 2-4, Frosinone-Napoli 1-5, Genoa-Frosinone 4-0, Verona-Frosinone 1-2 e Napoli-Frosinone 4-0. Sarebbero queste le cinque gare di Serie A della stagione appena conclusasi attenzionate dai bookmakers per “movimenti anomali”: il dossier che finirà nei prossimi giorni sul tavolo delle autorità competenti comprende anche undici match di Lega Pro –  la maggior parte delle segnalazioni riguarda il Messina – ma ricompare anche il nome del Catania.. L’indiscrezione è di Repubblica, a firma Giuliano Foschini e Marco Mensurati: «A scanso di equivoci» – tiene a precisare la fonte interpellata dal quotidiano – «Non significa che la società o i calciatori abbiano responsabilità dirette. Non abbiamo alcuno strumento per valutarlo. Ma certo le puntate registrate sono state molto strane».

LEGGI ANCHE E i boss dissero a Izzo: «Non lasciare il calcio, ci servi lì, devi creare contatti»

Nel dettaglio:

“C’è il 2-4 di Frosinone-Milan del dicembre scorso, il 4-0 di Genoa-Frosinone del 3 aprile dove le puntate sulle sconfitte con handicap e sugli over sono state molto importanti, «molto più di quello che era lecito aspettarsi rispetto agli algoritmi che noi stessi abbiamo sviluppato». […] Frosinone-Napoli 1-5 del 10 gennaio è «clamorosa per numeri di giocate, uno dei record assoluti della serie A di quest’anno». Verona-Frosinone ha avuto invece un esito definito «molto strano delle giocate live» con puntate fortissime negli ultimi minuti sulla vittoria della squadra ospite”

Su Napoli-Frosinone, ultima giornata di campionato, si sta già muovendo la Figc dopo che sono state segnalate scommesse sospette sull’espulsione di un giocatore del Frosinone – al 13esimo minuto di gioco fu Gori a beccarsi il rosso dall’arbitro Celi e a lasciare i compagni in inferiorità numerica. In attesa di ulteriori sviluppi, il club ciociaro respinge al mittente le accuse dicendosi indignato per il coinvolgimento.

Photocredit copertina Maurizio Lagana/Getty Images