Elezioni Cagliari 2016: il Movimento 5 stelle (e i parlamentari) divisi su due liste

di Stefania Carboni | 15/03/2016

cagliari movimento 5 stelle

«Sono in corso le votazioni per scegliere il candidato sindaco del Movimento 5 stelle a Cagliari e la relativa lista. Il risultato sarà comunque negativo». A esprimere amarezza, con uno status sui social, è il senatore del Movimento 5 stelle Roberto Cotti. In Sardegna, terra in cui il Movimento non ha vissuto periodi tranquilli, si ripete lo scontro. Stavolta nelle liste da presentare per le prossime elezioni amministrative.

LEGGI ANCHE Elezioni Cagliari 2016: quando e come si vota per il sindaco alle Comunali

DUE LISTE E TRE PARLAMENTARI M5S, DIVISI

«Col sindaco verrà scelta una intera lista ed eliminata l’altra – spiega il senatore – nonostante la volontà di quasi tutti i candidati di concordarne una insieme, partendo da una assemblea comune, ripeto comune, non pretendendo che ci si accodasse a chi aveva già deciso tutto in pochi, come M.Antonietta Martinez e chi l’ha candidata». Che succede? Succede che ci sono due liste M5S per Cagliari. La prima, sostenuta dal “Meetup Cagliari” e dal senatore Roberto Cotti. La seconda, uscita dal “Meetup 31” con l’endorsement delle parlamentari Manuela Serra ed Emanuela Corda. Ecco qui i dubbi sollevati dal senatore sardo:

Perché non tutti gli aderenti hanno potuto presentare la loro candidatura a Sindaco o a consigliere, sempre per la responsabilità di chi guida la lista di Martinez, che ha per mesi rifiutato di svolgere procedure aperte per la sua formazione, costringendo la lista di Emilio Floris a presentarsi prima di una assemblea comune, pena il restare tagliati fuori.
La responsabilità di questa situazione e’ da attribuire interamente a chi manovra la lista di Martinez (una minoranza all’interno della loro stessa lista).
Per questo, oltre che per la indiscutibile maggiore competenza di Emilio per il ruolo di candidato sindaco, ho votato per Emilio Floris e invito a fare altrettanto anche chi giustamente si aspettava una votazione con apertura a tutti delle candidature. Solo lui ha la reale intenzione di lavorare anche per riunire il movimento a Cagliari.

Giusto per dare una idea della rottura mai sanata nel capoluogo isolano basta scorrere la pagina Fb della collega di Cotti, Serra. Sotto il post sulla votazione al blog la senatrice chiarisce un po’ la sua posizione.

Serve scegliere un singolo sindaco. FLORIS non ho idea come sia stato scelto, Martinez l’hanno scelta gli attivisti di Cagliari.

Chi è più attivista o meno? Chi è più legittimato a correre come primo cittadino? La discussione va avanti nei commenti.

DUE LISTE IN SFIDA: LA PROVA M5S DI CAGLIARI

In tutto questo caos va ricordato che stavolta il Movimento prova almeno a presentarsi nell’isola, dopo le polemiche e il fallimento del tentativo alle Regionali nel 2014. Ora che Paola Pinna non è più nel Movimento gli altri parlamentari sardi sono quattro. Andrea Vallascas, deputato cagliaritano, si è tenuto fuori dalla bagarre mentre Corda e Serra hanno preso una posizione differente rispetto al collega Cotti. Quest ultimo stamane ha accusato Martinez di aver rifiutato procedure aperte per la sua formazione della lista. Manuela Corda ha invece augurato buon voto così: «I furbi e gli azzeccagarbugli devono sparire».

cagliari m5s

(in copertina foto ANSA/ MARCO ISOLA)