Bono Vox incontra Matteo Renzi a Expo: «Chiamateli profughi»

di Redazione | 06/09/2015

matteo renzi bono vox

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, è arrivato a Expo 2015 dove, davanti al Padiglione dell’Irlanda, ha incontrato Bono Vox. Entrambi parteciperanno a “It begins with me. How the world can end hunger in our lifetime” (“Comincia da me. Come il mondo può porre fine alla fame nell’arco della nostra vita”), l’evento organizzato per il sostegno alle iniziative del World food programme, l’agenzia delle Nazioni Unite specializzata nell’assistenza alimentare. «E’ sbagliato usare la parola ‘migranti’. La parola giusta è ‘rifugiati’», ha ribadito Bono. «Queste persone – ha detto – non lasciano le loro case perché vogliono vivere in Italia o in Irlanda. Lasciano i loro Paesi perché non hanno casa. Dunque è sbagliato usare la parola migranti. La parola giusta è ‘rifugiati’. Vi sono leader nel mondo, come Angela Merkel e Matteo Renzi, che stanno facendo enormi sforzi in questo senso».

matteo renzi bono vox
Via @Nomfup

Niente birra, ma un bicchiere d’acqua al padiglione Irlanda per i. Il cantante degli U2, che si è detto «molto contento» di avere la possibilità di fare la visita, si è informato su «come vanno le cose». «Se posso essere di aiuto, non esitate – ha detto – Mi piace essere utile».

LEGGI ANCHE: Il fan degli U2 che sale sul palco a suonare perché The Edge non si ricorda la canzone

Qui un trattamento, non certo delicato, verso l’inviata di Sky Tg 24 all’arrivo del duo:

BONO VOX INCONTRA RENZI: AUTOGRAFI PER I FAN

– Il leader della band irlandese, acclamato dai fan, si è fermato qualche minuto stringendo mani e firmando autografi.
Passando davanti al cartello ‘Zero spreco’, Bono si è rivolto ai suoi accompagnatori indicando la scritta e dicendo: «Bene, sono molto contento». Durante la visita, rivolgendosi a Giuseppe Sala, commisario Expo, Bono ha chiesto: «Questa è la prima cosa che vedo e l’ultima qual è». «Poi la gente va dove vuole», ha risposto Sala facendo capire che il Padiglione zero, il più importante dell’Esposizione, è il primo a essere visitato, mentre poi si prosegue il viaggio nel sito lasciandosi trasportare dal proprio gusto e dagli interessi personali.
Con Renzi anche il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, il ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, e il suo omologo irlandese Simon Coveney.