Il complotto americano per far dimettere Benedetto XVI

di Redazione | 08/03/2017

Benedetto XVI complotto

Le dimissioni di Benedetto XVI sono state una svolta epocale per la Chiesa cattolica. L’anima più conservatrice del Vaticano non ha mai pienamente accettato l’addio di Joseph Ratzinger al soglio di Pietro, che ha consentito un cambio di direzione in senso progressista impresso dal successore Jorge Bergoglio. Da tempo ci sono associazioni ed esponenti minori legati a movimenti ecclesiali che denunciano una macchinazione condotta contro il Papa emerito. Per la prima volta questa tesi è stata sostenuta in modo aperto anche da un importante esponente della Curia italiana. L’ex arcivescovo di Ferrara monsignor Luigi Negri, che dopo aver lasciato l’incarico di guida della diocesi romagnola per ragioni di età dichiara al sito Riminiduepuntozero come

Ho poca conoscenza – per fortuna – dei fatti della Curia romana, ma sono certo che un giorno emergeranno gravi responsabilità dentro e fuori il Vaticano. Benedetto XVI ha subito pressioni enormi. Non è un caso che in America, anche sulla base di ciò che è stato pubblicato da Wikileaks, alcuni gruppi di cattolici abbiano chiesto al presidente Trump di aprire una commissione d’inchiesta per indagare se l’amministrazione di Barack Obama abbia esercitato pressioni su Benedetto. Resta per ora un mistero gravissimo, ma sono certo che le responsabilità verranno fuori. Si avvicina la mia personale “fine del mondo” e la prima domanda che rivolgerò a San Pietro sarà proprio su questa vicenda”

Monsignor Negri spiega di aver intrecciato un rapporto di particolare fiducia con il papa emerito, rimarcando di averlo incontrato più volte dopo le sue dimissioni del 2013.

In questi ultimi 4 anni ho incontrato diverse volte Benedetto XVI. E’ stato lui a chiedermi di guidare la diocesi di Ferrara, perché molto preoccupato della situazione in cui versava la diocesi. Con Benedetto è nato un rapporto di forte amicizia. Mi sono sempre rivolto a lui nei momenti più importanti per discutere delle scelte da fare e non mi ha mai negato il suo parere, sempre in spirito di amicizia

La denuncia di un complotto per le dimissioni del Papa, con tanto di citazione del presunto architetto della macchinazione, l’amministrazione Obama, non è nuova. Però appare particolarmente curioso che un prelato della Curia, che sottolinea la sua vicinanza con Ratzinger, la esponga in termini così espliciti.

Foto copertina: ANSA/ US/ OSSERVATORE ROMANO