Come trasformare il pc in un’arma con un click

di Alessandra Cristofari | 19/04/2013

Die Welt racconta del progresso delle minacce informatiche che si fanno sempre più sottili e subdole al punto di rubare le identità altrui per inviare ai suoi contatti richieste di denaro.

LA MINACCIA IN UN CLICK – Dai tradizionali worm a cui siamo abituati, si è passati al furto dell’identità per ottenere denaro dai contatti del malcapitato utente. Die Welt spiega che questo tipo di pratica sta prendendo sempre più piede ma come funziona? Il procedimento è molto semplice: arriva un’e-mail con un oggetto che ne delinea l’urgenza e, al suo interno, una richiesta di aiuto da parte di una persona che conoscete. La richiesta spiega anche come fare per trasferire denaro, fornendo le indicazioni per effettuare un eventuale bonifico ma a tradire queste e-mail è sempre la grammatica. Il tentativo cade per il modello di scrittura altrimenti la richiesta risulterebbe a prima vista credibile.

guarda le immagini:

LEGGI ANCHE: La nonna hacker che ti svuota la carta di credito

CHIEDERE SOLDI – La nuova pratica è una truffa finalizzata ad ottenere denaro e Die Welt ha riportato un esempio di un utente tedesco che ha perso il controllo della sua casella di posta elettronica. In pratica, i criminali hanno rubato il suo indirizzo e hanno inviato la stessa richiesta di denaro a tutti i suoi contatti. Quando il raggiro è stato scoperto, l’e-mail è stata analizzata da alcuni tecnici che hanno riscontrato al suo interno la presenza di un collegamento a un ulteriore programma malware chiamato IframeRef, che ha lo scopo di reindirizzare l’utente verso altri siti. Quando questo virus entra nel computer, invia in automatico la richiesta ad altri utenti: ecco come è avvenuta ‘la truffa’.

IFRAMEREF –  Ma che cos’è questo IframeRef? Tim Rains di Microsoft ha detto “Attualmente è una delle principali minacce in tutto il mondo”. Gli ultimi rapporti in merito ai malware spiegano che gli hacker cambiano continuamente strategia d’attacco. “Conficker sta perdendo piede in luogo delle nuove armi che cercano vie per sfruttare il social” ha detto ancora Rains. Cosa fare? Non aprite la posta di utenti sconosciuti. Gli esperti di sicurezza Microsoft hanno riscontrato la presenza di IframeRef almeno 3 milioni di volte durante le scansioni a livello mondiali: per infettare il computer, è sufficiente visitare una sola volta un sito corrotto dal virus. Rains ha spiegato che adesso i criminali puntano a “rubare le password per ottenere informazioni bancarie o in alternativa installare virus per avere il controllo remoto del sistema”.

 

 

(Photo Credit/Getty Images)