Marta Grande, la laurea e Wikipedia: tutta la storia

di Alberto Sofia | 15/03/2013

Dopo Oscar Giannino, anche la grillina Marta Grande ha mentito sui titoli di studio? Più che una bugia, è una questione di differenti sistemi universitari. Libero e Giornale hanno attaccato la giovane “cittadina” eletta nel Movimento 5 Stelle, ritenuta colpevole di aver mentito sulle lauree e titoli di studio dichiarati nel proprio curriculum, proprio come  il giornalista che si è dimesso da presidente di Fare per fermare il declino, poco prima delle elezioni. I due quotidiani hanno anche parlato delle modifiche avvenute nella pagina Wikipedia dedicata alla neo eletta, che ha sostituito la voce “laurea” con i titoli (“Bachelor of Art” e “Master of Art”) previsti nel sistema anglosassone, in questo caso negli Stati Uniti, dato che Grande ha studiato all’Università dell’Alabama a Huntsville. Prima di tornare in Italia. Ma andiamo per ordine.

LE ACCUSE DI LIBERO E DEL GIORNALE ALLA GRANDE – Marta Grande, che dice di ispirarsi a Nilde Iotti, era stata attaccata da Libero, perché – come riportava – aveva dichiarato “come le sue lauree non avessero valore in Italia”. Così il quotidiano ne ha approfittato per controllare il curriculum dichiarato dalla ragazza, sia in base a quanto dichiarato sul sito del M5S, che sulla stessa pagina di Wikipedia a lei dedicata, modificata l’ultima volta questa notte alle 00.35. E riporta come “senza fonte” le voci sui suoi titoli.

Samsung Debuts Its New Flagship Smartphone, The Galaxy S IV

 

Ecco quanto scrive Enrico Paoli, che ha cercato di ricostruire la vicenda nel quotidiano diretto da Belpietro. Parlando di una vera bufala:

Procediamo con ordine. Sito del Movimento 5 Stelle, sezione dedicata agli eletti alla Camera: «Sono nata a Civitavecchia dove ho conseguito il diploma scientifico; mi laureo nel 2009 in lingue e commercio internazionale presso l’Università dell’Alabama in Huntsville. Successivamente, tornata in Italia, conseguo un Master in Studi Europei. Attualmente mi sto laureando in Relazioni Internazionali presso l’Università di Roma Tre». E ancora: «Nell’estate 2012 seguo un corso in relazioni internazionali alla Peking University in Cina, in particolare sulla transizione di potere a livello internazionale, il declino occidentale e le nuove relazioni internazionali del ventunesimo secolo».

I due quotidiani infatti hanno pensato di andare a controllare se le informazioni sono vere. Chiedendo alla stessa Marta Grande:

“Grande? «Sì, sono io». Ma lei è laureata o no? «Certo che domande… vada a controllare sul sito». Ma è saltato fuori che i suoi titoli non sono validi? «Io non ho detto nulla di tutto questo». Vero parlano gli atti. Anzi, la rete, tanto cara ai grillini.

Con tanto di sentenza, quando si legge: “Altro che cittadini contro la Casta. Stare in parlamento comporta qualche costo. Come quello sulla trasparenza”, che la ragazza non avrebbe rispettato. Ecco perché, si prova a spiegare la bugia della neo eletta a 5 stelle, parlando delle modifiche realizzate sul sito di Wikipedia:

“La pagina a lei dedicata, alle 13.43 di ieri (l’ultimo aggiornamento è delle delle 10.13 del 14 marzo 2013) afferma che la deputata grillina è in possesso del seguente titolo di studio: «Laurea in lingue e commercio internazionale ». Secondo la nota biografica, in realtà, si tratta di un «Bachelor of Art», un diploma universitario e nulla più. Parliamo con la diretta interessata che conferma la laurea. Torniamo su Wikipedia, allora. E qui arriva la sorpresa. La pagina, alle 14.59 del 14 marzo 2013, è stata completamente modificata e la laurea è sparita. Alla voce «Titolo di studio» c’è solo «Bachelor of Arts in Foreign Languages and International Trade». Nelle note qualche dettaglio in più. «Dal 2007 al 2009, a Huntsville negli Stati Uniti d’America, ha frequentato il Corso Flit – Foreign Languages and International Trade (Corso di Lingue straniere e commercio internazionale)» e nel nel 2009 consegue il relativo «Bachelor of Arts, diploma universitario ». Che non è una laurea, ma solo un corso biennale. L’unica certezza è che, dal 2010, sta frequentando il «Corso di laurea magistrale in Relazioni internazionali presso la Facoltà di Scienze politiche, dell’Università degli Studi Roma Tre». Beh, per una che Repubblica aveva già beatificato come la nuova Pivetti, una bella bocciatura. Con o senza laurea, come insegna Oscar Giannino.

marta-grande-laurea
TITOLI DI STUDIO DIFFERENTI – Il punto non è però tanto quello della pagina modificata su Wikipedia, quanto quello del valore legale dei suoi titoli, conseguiti tra Alabama e Roma. La Grande parla anche di un corso estivo frequentato in Cina, a Pechino, che però non ha nessun valore, essendo soltanto una scuola estiva. Si legge sulla stessa Wikipedia:

“Nell’estate 2012, a Pechino in Cina, ha frequentato la LSE-PKU Summer School 2012 (Scuola Estiva 2012 LSE-PKU), incentrata sulle relazioni internazionali, in particolare sulla transizione di potere a livello internazionale, il declino occidentale e le nuove relazioni internazionali del XXI secolo, presso l’Università di Pechino, organizzata dalla London School of Economics and Political Science. Nel 2012 consegue il relativo Certificato”

Si parla quindi di semplice “certificato conseguito”, che non ha certo valore di laurea. Diversa la questione relativa ai suoi due titoli di studio: ovvero il Bachelor of Arts e il Master of Art, conseguiti tra Alabama e Roma, come si legge sull’ultima versione di Wikipedia:

Dal 2007 al 2009, a Huntsville negli Stati Uniti d’America, ha frequentato il Corso FLIT – Foreign Languages and International Trade (Corso di Lingue straniere e commercio internazionale, 63 ore) presso il Department of Foreign Languages and Literatures (Dipartimento di Lingue e letterature straniere) del CLA – College of Liberal Art (Collegio delle Arti Liberali) in collaborazione con il CAS – College of Administrative Science (Collegio di Scienze Amministrative), dell’ UAH – University of Alabama in Huntsville (Università dell’Alabama a Huntsville). Nel 2009 consegue il relativo Bachelor of Arts. [senza fonte]

Dal 2009 al 2010, a Roma in Italia, ha frequentato il MES – Master of Arts in European Studies (Master in Studi europei) presso la SOG – School of Government, della LUISS. Nel 2010 consegue il relativo Master of Arts con la tesi “Multi-lateralism and the harmonious society: challenges for transatlantic relations” (“Multilateralismo e lo sviluppo armonioso della società: le sfide per le relazioni transatlantiche”), con relatore il Professor Jolyon Howorth

Ma di cosa si tratta esattamente quando si parla di questi titoli di studio?Non sono “lauree” se si utilizza lo stretto senso del termine italiano, bensì i titoli di studio universitari rilasciati in base al sistema universitario degli Stati Uniti. Per ordine, il Bachelor of Art, come si legge su Wikipedia è il seguente:

Il corso del Bachelor of arts (B.A., letteralmente “baccellierato in arti”) dura in generale tre anni nel Regno Unito (salvo che in Scozia), in Nuova Zelanda, in Australia e nel Québec e quattro anni negli Stati Uniti, in Irlanda, in Scozia e nel resto del Canada. Negli Stati Uniti e in Canada, un bachelor of arts esige che lo studente abbia frequentato una maggioranza dei suoi corsi (la metà o i tre quarti) nelle arti, termine che raggruppa le scienze sociali, le lettere, la musica o le arti plastiche. Si dà questo titolo anche agli studenti che abbiano seguito principalmente corsi nei campi delle scienze fisiche come la biologia e la chimica. Questo è frequente in alcune delle più prestigiose università statunitensi della Ivy League, come l’Università di Princeton, e le scuole superiori.

Su un altro sito specializzato in studi esteri si chiarisce come laurea e Bachelor non siano la stessa cosa, ma come garantiscano la possibilità di conseguire gli stessi crediti formativi, in modo da richiedere poi il riconoscimento da parte dello Stato Italiano:

No, non sono la stessa cosa. Il titolo conseguito presso SAE Institute è una laurea triennale inglese e il suo nome è “Bachelor of Arts (Hons.)”. Si tratta di un titolo estero che conferisce lo stesso numero di CFU di una laurea italiana, ma rimane un titolo estero! Come tutti i titoli esteri, esso può essere riconosciuto dallo stato italiano tramite una semplice procedura, la dichiarazione di valore in loco.

Più simile al “diploma universitario” di cui parlano Libero e Giornale. Al contrario, il Master of Art, come spiega Wikipedia, negli Stati Uniti è equiparabile alla laurea magistrale italiana:

Il Master of Arts (M.A., MA, A.M., or AM) dal latino Magister Artium, è un titolo di studio universitario generalmente equivalente alla laurea magistrale rilasciata dalle università italiane.

Quindi, più che bufale, una questione di differenti sistemi universitari.

Edit: Fabio, via mail ci fa notare che sul sito dell’università dell’Alabama emergono questi requisiti per il B.A. :

How Many Hours Are Required To Get A Bachelor’s Degree at UA? Bachelor’s degrees in general are designed to be completed in four years provided the student takes the program as a full-time student. The credit hours in general can run from 120 to 147. However, how long it takes to complete in reality is dependent on several issues.

Registriamo che si parla di “credit hours”, che non corrisponderebbero alle 63 ore effettive di cui parlava wikipedia per il corso FLIT che la Grande ha dichiarato di frequentare (ovvero questo ) e dove ha conseguito “la laurea” nel 2009. O meglio il Bachelor of Art, più correttamente, dato che è un corso biennale, diverso dalla “laurea italiana” – come abbiamo scritto – ma che darebbe la possibilità di farsi riconoscere gli stessi crediti formativi. E che offre la possibilità di continuare gli studi iscrivendosi ad un master di primo livello. Nel frattempo però la pagina di Wikipedia è stato modificata di nuovo, inserita tra quelle “proposte per la cancellazione” e scomparse le informazioni sul titolo di studio. Ma la Grande ha pubblicato i titoli qui. Ciascuno è libero di giudicare.