Hanno pubblicato dei vecchi scatti in lingerie della nuova fidanzata di Di Maio

di Redazione | 10/04/2019

Virginia Saba

Un’operazione che sembra strana, dal momento che è stata fatta soltanto qualche giorno dopo l’ufficializzazione della relazione tra Luigi Di Maio e Virginia Saba, una giornalista – entrata successivamente nello staff del Movimento 5 Stelle – che da qualche settimana fa coppia fissa con il vicepremier. Il rotocalco Chi, di Alfonso Signorini, ha pubblicato un vecchio book fotografico di Virginia Saba, quando – nel 2010 – aveva deciso di intraprendere la carriera da modella.

LEGGI ANCHE > Le foto «rubate» del bacio tra Di Maio e Virginia Saba

Gli scatti di Virginia Saba pubblicati su Chi

Si tratta di immagini in cui la nuova fidanzata di Luigi Di Maio appare poco vestita, con dei capi di lingerie addosso e delle maschere piumate. Nel titolo di un articolo, Il Giornale – che pubblica, tra le altre cose, l’immagine di Virginia Saba in prima pagina – definisce queste foto «strane». In realtà, si tratta di semplici scatti fatti da un fotografo professionista, come avviene in tante realtà, per predisporre un book fotografico da sottoporre a eventuali agenti del mondo della moda e delle sfilate.

Giornalettismo ha deciso di non pubblicare queste immagini, ma di esercitare un legittimo diritto di critica su questa scelta fatta da alcune testate. La prima motivazione – quella che dovrebbe essere più evidente – è che, come riportato anche da Luigi Di Maio, non è mai stata data l’autorizzazione o la liberatoria per l’utilizzo delle fotografie a scopi commerciali. In secondo luogo, perché pubblicare delle foto – tra l’altro vecchie – di Virginia Saba nulla toglie alla professionalità della giornalista e nulla aggiunge, se non un pizzico di gossip, alla storia d’amore vissuta da Luigi Di Maio, uomo delle istituzioni fidanzato con una privata cittadina.

La giustificazione di Signorini sulle foto di Virginia Saba

Alfonso Signorini, almeno sotto questo secondo punto di vista, sembra pensarla allo stesso modo: «Non c’è nulla di male in quelle foto – si legge su Chi -. Nulla che possa andare al di là di qualche scatto fatto per gioco da un fotografo e da una bella ragazza che si diverte al mare o che ha deciso di regalarsi un book di immagini un po’ più sexy del normalesolo per vanità personale o perché aspira a diventare modella o showgirl».