Napoli, clamorosa retromarcia: «Non vendiamo Hamsik ai cinesi»

di Redazione | 06/02/2019

Marek Hamsik

Colpo di scena che ha del clamoroso. Marek Hamsik non verrà venduto al Dalian, la società cinese che si era interessata al giocatore nei giorni scorsi. A comunicarlo è la stessa società, attraverso il suo profilo Twitter ufficiale.

LEGGI ANCHE > Cori razzisti, la Figc decide per lo stop alle partite e Salvini li deride: «Facciamo la scala Richter dei buu»

Marek Hamsik resta al Napoli

Stando alle prime indiscrezioni, la cessione di Hamsik non è stata completata perché il Dalian non avrebbe rispettato le modalità di pagamento pattuite: la cifra di circa 20 milioni di euro che il Napoli avrebbe voluto incassare cash, infatti, era stata proposta a rate. Aspetto non gradito dal presidente dei partenopei Aurelio De Laurentiis. Il Napoli, inoltre, voleva cedere Hamsik, storico capitano e recordman di gol di tutti i tempi con la maglia azzurra, a titolo definitivo e non in prestito con diritto di riscatto.

Sabato sera, dopo la partita con la Sampdoria al San Paolo, le parole di Carlo Ancelotti, tecnico azzurro, avevano lasciato presagire l’imminente cessione. Tuttavia, nelle ore scorse, la società ha tardato ad annunciare la firma del calciatore. Lo stesso De Laurentiis aveva spiegato: «Pagare moneta, vedere cammello».

La gestione approssimativa dell’affare Marek Hamsik

Restano perplessità per l’ennesima gestione approssimativa da parte della società sportiva di affari delicati. Hamsik, bandiera e capitano della squadra, avrebbe meritato un trattamento particolare. Per lui, la proposta dalla Cina era conveniente: 9 milioni di euro all’anno, per tre stagioni. Ora, bisognerà valutare i rapporti tra la squadra e il calciatore. La sua professionalità spinge a pensare che difficilmente ci sarà una rottura traumatica, anche perché l’affetto con la città è ai massimi livelli, anche dopo le manifestazioni di solidarietà delle ultime ore.

Fatto sta che la gestione di questa vicenda ha dimostrato ancora una volta di più i limiti almeno comunicativi del Napoli: non c’è stata chiarezza su un passaggio che aveva tutte le caratteristiche per essere considerato storico. Per non parlare della definizione della controparte: non è stato indicato il nome della società – il Dalian, appunto -, ma è stato utilizzato il generico aggettivo «cinesi», quasi in tono sprezzante. Un tweet decisamente infelice.

Hamsik milita nel Napoli da 12 anni. Sono bastati pochi giorni per dire tutto e il contrario di tutto sulla sua permanenza.

FOTO: Hamsik (Foto: ANSA / CIRO FUSCO)