Lorella Cuccarini: «Gli uomini ai vertici è perché sono più predisposti»

di Redazione | 16/01/2019

lorella cuccarini
  • Lorella Cuccarini ha rilasciato una intervista a Oggi che sta facendo discutere

  • «Il Papa? Ci sono rimasta male quando ha detto “meglio atei e buoni, che cristiani e odiatori”»

  • «Dobbiamo accettare il fatto che uomini e donne sono diversi, seppur complementari. Se ci sono più uomini ai vertici è perché sono più predisposti»

Lorella Cuccarini, intervistata dal settimanale Oggi, sta facendo discutere. Cuccarini – come ricorda BitchyF – ha criticato Papa Francesco non per le sue frasi su omosessualità e famiglie arcobaleno ma per le sue ultime dichiarazioni su carità e ateismo.

LEGGI ANCHE > Lorella Cuccarini si riscopre sovranista: «Ho votato per le forze di governo»

«Sarebbe bello che il Papa si esprimesse anche su altre situazioni, oltre che sui migranti. Ci sono rimasta male quando ha detto “meglio atei e buoni, che cristiani e odiatori”. Per un cristiano, Cristo è fondamentale e il posto in cui lo incontri è la Chiesa; e anche se sei un cattolico tiepido incontrare Cristo in quella eucaristia è la cosa più preziosa. Bisogna distinguere buoni e buonisti: i cattolici devono essere buoni, ma devono difendere i propri figli. Il femminismo? Mai stata femminista e sempre stata contro le quote rosa. Le donne la credibilità devono guadagnarla sul campo… Io sono un’azienda, decido quando e come lavorare. Altrove e in politica, servono una determinazione e una “cattiveria” che impongono anche di rinunciare ad alcune caratteristiche femminili. Dobbiamo accettare il fatto che uomini e donne sono diversi, seppur complementari. Se ci sono più uomini ai vertici è perché sono più predisposti».

 

(foto ANSA/GUIDO MONTANI)