Balotelli attacca i tifosi del Milan

di Enzo Boldi | 06/12/2018

Balotelli
  • I rumors di mercato parlano di un (nuovo) interessamento del Milan per Balotelli

  • I tifosi hanno aspramente criticato questo (improbabile) ritorno

  • Supermario non l'ha presa benissimo e li ha definiti «servi»

Non escludo il ritorno. O forse no. Il nome di Mario Balotelli ha sempre fatto rumore dentro e fuori dal campo, così come le voci di mercato che si susseguono sul futuro del Bad Boy italiano. Tra le tante indiscrezioni di calciomercato degli ultimi giorni, è tornato in auge un suo possibile ritorno al Milan, squadra di cui SuperMario è sempre stato tifoso – o, almeno, questo è ciò che ha raccontato lui – e con cui ha giocato nelle stagioni 2013/2014 e 2015/2016 dopo la parentesi poco fortunata di Liverpool.

LEGGI ANCHE > Mancini si è già stufato di Balotelli: è fuori dai convocati per Portogallo-Italia

Alla notizia di un suo (improbabile) ritorno in rossonero, molti tifosi hanno storto il naso – per usare un eufemismo -, criticando aspramente questa fantasiosa voce di mercato. In fondo, Balotelli è sempre stato un calciatore che ha diviso l’opinione pubblica – sia come giocatore sia come uomo per i suoi atteggiamenti dentro e fuori dal campo – e i tifosi, da questo punto di vista hanno la memoria lunghissima.

Balotelli e lo scontro con i tifosi del Milan

Critiche che non sono andate giù a Mario Balotelli che ha utilizzato una Instagram Stories per parlare di tutto ciò che sta succedendo attorno a lui, con fare poco diplomatico. «Comunque è bello vedere così tanti tifosi milanisti che non gradirebbero un mio eventuale, quanto improbabile, ritorno – scrive SuperMario prima dell’affondo -. Ma va bene così, un giorno servi e l’altro no. L’importante è non pertirsene».

I fantasmi del passato rossonero tra i tifosi del Milan

Un attacco frontale alle critiche dopo le reazioni (legittime) dei tifosi che non vogliono vederlo nuovamente indossare i colori rossoneri del Milan. Balotelli, in questa stagione, ha fatto più notizia per i suoi chili di troppo, per le sue discussioni con l’allenatore del Nizza Patrick Vieira, che per le sue prestazioni in campo. Forse i dubbi degli appassionati tifosi milanisti – già segnati dalla sua ultima esperienza in quel di Milano – sembrano essere più che legittimi. Anche se, come spiega lo stesso attaccante italiano, «Non è in programma nessun mio movimento».

(foto di copertina: ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)