La deriva del Pd dietro gli occhiali europeisti (con lenti progressive) del dem Damiano Zoffoli

di Enzo Boldi | 06/12/2018

Damiano Zoffoli Pd
  • Damiano Zoffoli ha partecipato alla trasmissione Alta Fedeltà indossando un paio di occhiali dell'Europa

  • L'eurodeputato del Pd ha spiegato che senza una visione europea non si va da nessuna parte

  • La miopia della gente e l'astigmatismo dei rappresentanti dem

La miopia – condita da una buona dose di astigmatismo – è il male che attanaglia il Partito Democratico e a nulla servono gli occhiali dell’Europa indossati dall’eurodeputato dem Damiano Zoffoli. Anzi, forse sono proprio quelli a rendere meno palese nelle menti dei variegati rappresentanti del Pd che hanno completamente perso la cognizioni dei bisogni degli italiani che – non a caso – hanno scelto il loro appoggio ai movimento populisti. Insomma, indossare un paio di occhiali blu, con le lenti colorate dalla bandiera dell’Unione Europea, sembra essere il più classico degli autogol.

LEGGI ANCHE > Minniti si è ritirato dalla corsa per la segreteria del Pd

«Sono indispensabili gli occhiali dell’Europa – ha affermato Damiano Zoffoli in diretta ad Alta Fedeltà, la trasmissione dedicata agli eurodeputati del Pd -. Noi siam partiti dal territorio, dalle nostre case, dalle nostre città, dove noi viviamo queste grandi questioni: l’erosione delle spiagge, l’ospitalità data ai profughi». Tutto legittimo e – moralmente – corretto da sostenere e raccontare. Ma con indosso un paio di occhiali con le lenti su cui sono disegnate due bandiere dell’Unione Europea, rendono il discorso poco verosimile.

Damiano Zoffoli e gli occhiali dell’Europa

«Se uno non ha gli occhiali dell’Europa – prosegue nel suo controverso intervento Damiano Zoffoli -, nel mondo di oggi è miope. E questi, fra l’altro – continua  l’eurodeputato Pd – hanno delle lenti progressive, non progressiste. Nel senso che: io, quando me li metto, se guardo in basso leggo il giornale e vedo la mia realtà del territorio; se alzo lo sguardo vedo lontano. Cioè, vedo quel che succede nel mondo».

La miopia del Pd celata dalle lenti progressive dell’Europa

E, alla fine, arriva la conclusione di tutta questa metafora: «Ecco, l’Europa non è altro che un paio di occhiali a lenti progressive». Al netto delle parole, legittimamente pronunciate dell’eurodeputato Pd Damiano Zoffoli, la scenetta degli occhiali sembra poter portare a un effetto contrario rispetto all’esaltazione delle istituzioni europee, sempre più nel mirino della pancia dell’Italia. Forse, più che di Miopia, il vero problema del Partito Democratico è l’astigmatismo: non riuscire a vedere i problemi più vicini, pensando che la risposta sia solamente nello sguardo verso ciò che è più lontano.

(foto di copertina da video Facebook di Alta Fedeltà)