Di Maio ha sciolto la Ardima srl

di Redazione | 04/12/2018

Ardima srl in liquidazione
  • Stamattina Luigi di Maio e la sorella Rosalba hanno firmato la messa in liquidazione della società al centro dello scandalo scaturito dal servizio de Le Iene

  • Il fratello Giuseppe Di Maio è stato nominato «liquidatore con tutti i poteri di legge»

  • Il padre, Antonio Di Maio, si era scusato con un video su Facebook, chiarendo che il figlio Luigi «non sapeva niente»

Era nata in famiglia e ora morirà in famiglia. Il soggetto è la Ardima srl, l’azienda dei Di Maio. Luigi e la sorella Rosalba l’hanno messa ufficialmente in liquidazione, dando questo compito – con pieni poteri – al fratello Giuseppe. Tutto è compiuto, dunque, dopo lo scandalo che – attraverso l’inchiesta giornalistica de Le Iene – ha visto al centro proprio l’attività di famiglia dei Di Maio.

LEGGI ANCHE > «Anche la famiglia Renzi pagava in nero». Loro smentiscono e preparano la querela

Ardima srl in liquidazione, il passaggio

Nell’atto sono indicate «le ragioni per le quali risulta conveniente e opportuno sciogliere anticipatamente la società e porla in liquidazione. In particolare – si legge – la prolungata inattività rende necessario procedere allo scioglimento anticipato». Attese anche le notifiche dell’abbattimento dei manufatti abusivi nel terreno di proprietà dei Di Maio a Mariglianella. Il terreno in questione risulta in comproprietà del padre Antonio Di Maio e della zia del leader 5 stelle.

Ora, dunque, il cerchio sta per chiudersi. L’ultimo passaggio dovrebbe essere la rottamazione della cartella esattoriale dello stesso papà di Luigi Di Maio. Il ministro del Lavoro si libera così di un elemento che stava intralciando da vicino la sua vita politica.

Di Maio risulta essere proprietario al 50%, insieme alla sorella Rosalba, della Ardima srl, ora in liquidazione. Il gesto era già stato annunciato nella giornata di ieri, ma in queste ultime ore è diventato ufficiale.

Il sostegno di Salvini alla famiglia Di Maio

Durante una diretta Facebook, Matteo Salvini ha dichiarato di dare completo «sostegno a Luigi Di Maio vittima di attacchi di ogni tipo: il padre, la madre, basta.». Il ministro dell’interno si è poi rivolto ai suoi spettatori social:«Chiedo agli italiani: ‘giudicateci dai fatti, dai risultati, dagli obiettivi raggiunti, senza sbirciare dal buco della serratura»