Giuseppe Conte ha fatto una cosa proibita alla Camera

di Redazione | 08/11/2018

foto conte
  • Il presidente Giuseppe Conte è intervenuto al question time alla Camera

  • Alcune deputate del M5S gli hanno chiesto una foto in aula

  • Lui si è prestato, nonostante la violazione del regolamento

«Il nostro Conte». Inizia così il post incriminato, lanciato sui social network dalla giovane deputata del Movimento 5 Stelle Carmen Di Lauro. Non ci sarebbe nulla di male, se non per la foto di Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio l’ha scattata insieme ad altre deputate all’interno del Transatlantico di Montecitorio. Un’azione fortemente vietata dal regolamento. C’è da dire che, da questo punto di vista, sono tanti i deputati (e i senatori) che non rispettano questa regola prevista dalle prassi e dai codici parlamentari di autoregolamentazione. Ma il fatto che sia stato il presidente del Consiglio, nonché giurista e «avvocato del popolo», a violarla non è un bell’esempio.

LEGGI ANCHE > Conte ci presenta il provvedimento «tagliaforbici» (carta, sasso)

Foto Conte, il presidente si è accorto di violare il regolamento

Il presidente Giuseppe Conte avrebbe dovuto rimproverare la giovane deputata che gli ha chiesto uno scatto, magari indicando un luogo più adatto (persino la buvette) per immortalare il momento che la stessa parlamentare Di Lauro ha ritenuto storico. «Non ho potuto fare a meno di salutarlo e ringraziarlo – ha scritto su Facebook -. Capitemi, sono cresciuta con Berlusconi capo del Governo. Traumatico. Grazie Presidente, stai restituendo al nostro Paese cose che avevamo dimenticato: la dignità, la credibilità, il rispetto». 

Chi c’era nella foto con Giuseppe Conte alla Camera

Conte, del resto, si è reso immediatamente conto dell’avvenuta violazione, dal momento che ha ricordato ai deputati (oltre alla Di Lauro, c’erano anche Conny Giordano e Luigi Iovino) che non si possono fare foto all’interno del Transatlantico. Nonostante tutto, però, è andato avanti e si è concesso anche un altro scatto. Il tutto sotto gli occhi dei commessi che hanno circondato il gruppetto di deputate e deputati per separarlo dai giornalisti presenti.