La lista completa dello staff di Luigi Di Maio

di Redazione | 04/11/2018

staff Di Maio
  • Il Fatto Quotidiano ha pubblicato la lista completa dello staff di Luigi Di Maio

  • Costi del personale e amicizie del vicepremier al centro della polemica

  • Complessivamente, la squadra supera abbondantemente il milione di euro

Triplo incarico, tripla squadra. Il Fatto Quotidiano pubblica la lista completa dell staff di Luigi Di Maio, un giro d’affari – se così possiamo definirlo – di oltre un milione di euro all’anno. Il vicepremier, ministro del Lavoro e ministro dello Sviluppo Economico è costretto a triplicare i suoi collaboratori in virtù dei tre ruoli svolti all’interno dell’esecutivo.

LEGGI ANCHE > Lo stipendio di Rocco Casalino è l’occasione persa del M5S

Staff Di Maio: triplicano le poltrone per i tre incarichi

Per Palazzo Chigi – e quindi per il ruolo di vicepremier – Luigi Di Maio può contare su alcune persone di fiducia. Marco Bellezza (guadagna 100mila euro), Massimo Bugani (80mila euro) e Pietro Dettori (130mila) coordinano lo staff di Di Maio come vicepremier. Gli ultimi due sono personaggi estremamente vicini al cerchio magico della Casaleggio Associati, centrali nella comunicazione del Movimento 5 Stelle.

Sempre a Palazzo Chigi si può trovare Dario De Falco, compagno di liceo (anche se in una classe diversa) di Luigi Di Maio al liceo classico Imbriani di Pomigliano d’Arco, con uno stipendio da 100mila euro. Sara Mangieri, altri 100mila euro, dirige lo staff della comunicazione del vicepremier. Completa lo staff del vicepremier Alessio Festa, che in passato aveva rivestito compiti di responsabilità per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il paragone tra lo staff di Di Maio e quello di De Mita

Fino a questo punto, descrive il Fatto Quotidiano, si tratta semplicemente di collaboratori di cui Di Maio si serve per il suo ruolo di vicepremier a Palazzo Chigi. Per il ministero dello Sviluppo Economico, il leader del Movimento 5 Stelle può contare su Vito Cozzoli, Giancarlo Carmelo Pezzuto, Elena Lorenzini e l’ex deputato pentastellato Giorgio Sorial. Ma c’è una sorta di combinazione che unisce gli staff della comunicazione del Mise e anche del ministero del Lavoro: Cristina Belotti, Giorgio Chiesa e Luigi Falco. Poi, ci sono una serie di collaboratori e consulenti da oltre 100mila euro all’anno, tra cui anche Assunta Assia Montanino, finita nell’occhio del ciclone per la sua antica amicizia con Luigi Di Maio. Quest’ultima è passata dal Mise al Ministero del Lavoro, con un guadagno di circa 400 euro in più all’anno.

Numeri che superano abbondantemente il milione di euro all’anno per lo staff di un unico componente dell’esecutivo. Il Fatto Quotidiano ha paragonato la squadra di Di Maio a quella dell’ex democristiano Ciriaco De Mita, anche lui noto per circondarsi di persone di fiducia che, molto spesso, provenivano dal suo collegio elettorale. Il cerchio vesuviano.

FOTO: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI