Ennesimo episodio razzista a Napoli (ma questa volta il finale è diverso) | VIDEO

di Matteo Garavoglia | 03/11/2018

Napoli
  • Sulla Circumvesuviana un razzista se l'è presa con dei passeggeri pakistani

  • Una signora ha reagito urlandogli per difendere i passeggeri attaccati

  • Alla fine l'autore del gesto è sceso dal treno senza far male a nessuno

Pochi giorni dopo l’episodio di violenza avvenuto sulla Roma-Lido da parte di un naziskin ucraino, a Napoli un razzista napoletano ha offeso violentemente dei passeggeri pakistani rei di non essere italiani.

LEGGI ANCHE > Salvini condivide la bufala del cane antidroga ‘Pocho’ minacciato dalla camorra

Episodio razzista Napoli, il video

L’episodio non ha registrato attacchi fisici ma è stato particolarmente intenso per la difesa di una donna nei confronti degli stranieri, come ha segnalato su Facebook l’utente Pasa Anta, in un video che in breve tempo è diventato subito virale:

Sul treno della Circumvesuviana di Napoli un ragazzo offende dei pakistani (tra l’altro molto pacifici) e a un certo punto una signora non ce la fa più e reagisce dicendogli anche “preferisco che l’Italia diventi loro piuttosto che dei personaggi come te, fascista e razzista”. Non c’è il resto del filmato, ma la signora, davvero coraggiosa, al crescendo di aggressività del tipo in questione, che la minaccia di essere in procinto di sferrargli un pugno, gli dice: “come ti vedo alzare le mani ti scasso l’ombrellone in testa”. Il ragazzo si alza e se ne va imprecando malamente ma si ferma davanti alla porta di uscita, come in attesa. Quando la signora, tre fermate dopo, fa per alzarsi, per niente intimorita e con un sorriso sereno – nient’affatto beffardo – non si fa nessun problema a prendere l’uscita verso la porta dove sta sostando il tipo. A questo punto un altro ragazzo, un manovale stanco di fatica e sporco di calce, chiaramente uno straniero dell’est europa, si alza e la segue alla porta. Quando il treno si ferma, la signora scende, il tipo che inveiva e che l’aveva guardata con rabbia all’approssimarsi della fermata rimane sull’uscio e l’ucraino (?), una volta chiusasi la porta, torna a sedersi. Aveva seguito la signora per assicurarsi che non fosse aggredita vigliaccamente mentre scendeva.
In questa storia accaduta oggi pomeriggio mentre si torna da un lavoro comodo, in un ufficio climatizzato, assicurato, a tempo indeterminato, stipendiato, a pochi minuti da casa, ci sono personaggi buoni e cattivi.
I buoni, in ordine di comparizione, sono i pakistani, la signora e il ragazzo ucraino.
I cattivi sono il tipo, tutti gli astanti che non sono intervenuti e chi, invece di scortare la signora, si è messo a filmare.
Ma buoni e cattivi sono categorie astratte buone per le favole, i cliché e i parapiglia dialettici inconcludenti. La realtà vera in questo video è la maggioranza silenziosa che caratterizza lo spirito di una società e di un periodo storico, cioè tutti i presenti, indifferenti e silenti.

Qua di seguito il video dell’aggressione: