allegri lite con Bernardeschi
|

Ecco come Allegri ha umiliato la Fiorentina durante Juventus-Young Boys | VIDEO

Ok, c’era la tensione e la carica agonistica di una partita di Champions League. Ma lo sfogo di Massimiliano Allegri va oltre la semplice strigliata nei confronti della sua squadra: va a denigrare la storia e il blasone di una formazione che milita nel campionato di Serie A.

LEGGI ANCHE > Allegri su Genova: «Tutti molto bravi a parlare» | VIDEO

Allegri lite con Bernardeschi, l’audio: «Non è alla Fiorentina, c***o»

Un tifoso presente in tribuna all’Allianz Stadium ha ripreso con un cellulare lo sfogo dell’allenatore della Juventus, nel corso del match contro lo Young Boys, nei confronti del suo attaccante Federico Bernardeschi. «Doveva far gol, c***o – dice un Allegri furibondo -. Quello era un passaggio: ora lo tolgo. Non siamo alla Fiorentina, c***o».

La rivalità tra Juventus e Fiorentina è storica. Ma questi screzi tra tifosi non hanno impedito importanti trattative tra le società, come quella per portare Roberto Baggio in bianconero o, più recentemente, proprio Federico Bernardeschi che, al momento, è al suo secondo anno con la Juventus, in quella che potrebbe essere la stagione della sua consacrazione.

Perché Allegri ha offeso, con queste parole, tutta la Serie A

Se aggiungiamo, poi, che Allegri è di Livorno (e conosciamo molto bene il campanilismo toscano) ecco «spiegato» questo particolare astio nei confronti della Fiorentina. Esternarlo così, però, in diretta, con gli occhi puntati addosso e gli schermi dei cellulari pronti a riprenderlo, è una vera e propria caduta di stile, una mancanza di rispetto nei confronti di una società avversaria.

È come se Allegri disegnasse una sorta di linea immaginaria tra la Juventus e tutte le altre squadre. La Fiorentina non è certo il club meno forte della nostra Serie A, anzi. Fucina di talenti, gestione oculata della rosa, grandi allenatori e società solida dal punto di vista economico ne fanno uno dei modelli da imitare. Il peccato originale di Allegri, invece, è quello di pensare che, oltre alla Juventus, in Italia non ci sia altro.

Insieme alla Fiorentina e ai suoi tifosi, le parole del tecnico toscano offendono 3/4 di Serie A. Anzi, tutto il resto della Serie A al di fuori della Juventus.

Foto ANSA/ALESSANDRO DI MARCO