Brasile volley
|

La Nazionale brasiliana di volley e il sostegno all’estrema destra di Bolsonaro

Il 7 ottobre i cittadini brasiliani saranno chiamati alle urne per decidere il prossimo Presidente della Repubblica e il clima attorno a questa importantissima tornata elettorale si fa sempre più caldo. E lo sport, che dovrebbe limitarsi a essere un evento al di sopra delle parti, si è reso protagonista di una scena che ha scatenato ancor più tensione. I protagonisti della vicenda sono alcuni giocatori della Nazionale di pallavolo maschile del Brasile che, al termine dei match contro Egitto e Francia, hanno posato in una foto ufficiale (poi rimossa dai profili Instagram della Federvolley brasiliana) facendo un chiaro riferimento di appoggio politico al leader di estrema destra Jair Bolsonaro.

LEGGI ANCHE > Brasile, Bolsonaro accoltellato: non potrà fare campagna elettorale. Ma la destra ha già vinto

I due a esser finiti nell’occhio del ciclone sono dei simboli della Nazionale brasiliana – e campioni olimpici in carica – che nella foto rimossa mimavano un gesto che richiamava il numero 17, quello del candidato di estrema destra. Si tratta dell’opposto Wallace e del centrale Maurìcio Souza. Il primo faceva con le mani il gesto dell’1, mentre il secondo – al suo fianco – componeva il 5 e il 2.

Il sostegno della nazionale del Brasile di volley al leader di destra Bolsonaro

La somma, 17, ha scatenato il putiferio perché per molti ha richiamato a un vero e proprio endorsement – non richiesto – in favore di Jair Bolsonaro. La foto incriminata, dopo le numerose proteste, è sparita dall’account ufficiale della Federazione brasiliana di pallavolo, ma l’immagine aveva già fatto il giro della rete. Il clima in Brasile non è dei più pacati e l’atteggiamento dei due pallavolisti non poteva rimanere inosservato.

 

I sottili equilibri del Brasile tra sport e politica

Le elezioni del prossimo 7 ottobre in Brasile sono molto importanti – anche se, con altissima probabilità si dovrà procedere con il secondo turno dei ballottaggi -, perché nel Paese del Sudamerica il Presidente della Repubblica è anche il capo del governo. Dopo l’accoltellamento ai suoi danni, subìto lo scorso 6 settembre, il consenso popolare al leader del Partito Sociale Liberale di destra Jair Bolsonaro è salito vertiginosamente e ora, a meno di un mese dal voto, è balzato in testa ai sondaggi. La Nazionale di pallavolo, invece, dopo le polemiche per quella foto, è incappata nella prima sconfitta del suo Mondiale contro l’Olanda, che non batteva i verdeoro da 52 anni.

(foto di copertina da profilo Twitter Melhor do volei)