sea watch
|

Sea Watch scrive al premier maltese: «Ridateci Sea-Watch 3»

La ong Sea-Watch ha chiesto al premier maltese Joseph Muscat la restituzione della nave Sea-Watch 3, trattenuta dalle autorità del Paese da ormai oltre due mesi.

«Riteniamo il governo maltese responsabile di detenzione deliberata e arbitraria della nave Sea-Watch 3 per oltre due mesi, senza che ci sia una giustificazione legale. Si tratta di un’azione puramente politica: è un tentativo consapevole di ostacolare il salvataggio di persone in difficoltà nel Mediterraneo centrale», riportano nella lettera indirizzata a Muscat.

LEGGI ANCHE > Il video di De Luca sugli immigrati infiamma Lega e Fdi. E lo invitano alla festa

«Il vostro ufficio ha comunicato in modo inopportuno la restrizione della nostra libertà di movimento da Malta tramite comunicati stampa mentre la nostra richiesta formale di lasciare l’isola è stata negata dall’Autorità Portuale in una forma vaga, priva di documenti e priva di qualsiasi atto ufficiale – continua la lettera -. Questo approccio è inoltre messo in discussione dal successo dell’upgrade di classe ottenuto da SeaWatch 3 alla fine di giugno, a seguito del risultato positivo dell’ispezione effettuata dalla bandiera stato, i Paesi Bassi, dopo la richiesta maltese di accertare l’uso corretto della nave: le autorità olandesi hanno concluso che il Sea-Watch 3 soddisfa e supera i requisiti di sicurezza proprie del suo uso».

Per la Ong il governo di La Valletta è «responsabile di trattenere in modo deliberato e arbitrario» e di avere «deliberatamente fermato l’accordo» raggiunto con il ministero dei Trasporti a fine di agosto per permettere alla Sea-Watch 3 di lasciare il Paese.
«Le sue pressioni politiche e giochi di potere – conclude la lettera riferendosi a Muscat – costano le vite di alcune tra le persone più vulnerabili oggi al mondo».

 

(foto copertina da Sea Watch)