|

Ad Álvaro Soler piace il caciocavallo | VIDEO

Circa 40 mila persone, una pop star affermata e un evento da ricordare. Non è un festival internazionale, bensì la festa della Madonna del Sacro Monte di Viggiano, in Basilicata, dove ieri, in una gremitissima piazza Papa Giovanni XXIII, si è esibito Álvaro Soler.

LEGGI ANCHE > BREVE GUIDA SEMI SERIA AI TORMENTONI ESTATE 2018: LA “CINTURA” INCLUSA

«Abbiamo mangiato i “ferriselli”(ferricelli, pasta locale fatta a mano, ndr)», ha spiegato orgoglioso l’artista spagnolo in un video con il sindaco di Viggiano Amedeo Cicala. Il cantante ha esaltato le prelibatezze culinarie della zona anche durante il suo concerto. «Mi hanno chiesto di dire caciocavallo, io ho chiesto “ma cosa è caciocavallo?”. Oggi l’ho mangiato, è molto buono», ha spiegato davanti ai fan in delirio che chiedevano all’artista di pronunciare la magica parola.

Ma da dove nasce questo tormentone? Da una piccola pagina Facebook con poco più di 5000 followers. Val d’Agri Stories, un account ironico che si occupa di creare meme e post divertenti sulle storie di quotidiana follia di questa terra, aveva lanciato l’iniziativa qalche giorno fa, quando la presenza di Álvaro Soler a Viggiano era stata confermata dal sindaco Amedeo Cicala.

Oggi, la stessa pagina Facebook ha voluto celebrare l’evento, ringraziando tutti i suoi followers: «Sì, è successo davvero – hanno scritto sulla loro pagina -. E sì, è partito tutto da noi. A dimostrazione che una pagina Facebook che conta tanti fan quanti gli abitanti di un piccolo paese può arrivare sul palco più importante della Basilicata e soprattutto nelle stories di uno dei cantanti latin-pop più in voga degli ultimi anni. Noi ci abbiamo messo i piccoli mezzi che abbiamo, per arrivare a diffondere il messaggio, voi ci avete messo la vostra simpatia, insistenza e allegria e vi siete fatti notare fra migliaia di messaggi. In tutto questo, il solo fatto di avervi fatto da “guida” in questa simpatica impresa ci inorgoglisce e ci rende fieri di essere quello che siamo: un punto di riferimento per questa comunità piccola in numero ma grande nello spirito di iniziativa e di far festa».

Quella di Álvaro Soler è stata un’ora e un quarto di concerto, con le più attese canzoni “La Cintura” e “Sofia”. Il cachet dell’artista? Diverse decine di migliaia di euro. Una somma che però non sembra pesare alle tasche del Comune. Questo è un periodo molto florido per la città con un bilancio in attivo grazie alle royalties del petrolio per la produzione di greggio nel territorio. Quest’anno per esempio, Viggiano incasserà grazie al settore petrolifero altri 7 milioni di euro. Per celebrare al massimo la Madonna nera della Basilicata, finora, sembra non ci siano problemi.

Intanto, Álvaro Soler mette a referto anche un ottimo spot per le ricchezze enogastronomiche della zona. Che già erano state al centro di un’altra visita di un artista internazionale a Viggiano. Il piccolo centro della Basilicata, infatti, è il luogo d’origine della famiglia di Billy Joe Armstrong, il cantante dei Green Day che a giugno ha fatto tappa nel paese per ripercorrere le orme dei suoi antenati. Anche in quel caso, la cucina tipica e il bagno di folla furono elementi conduttori della sua visita.

(Video di Chiara Caso)