La Fifa squalifica l’uomo che aveva incitato a dare fuoco alla maglia di Messi

di Enzo Boldi | 24/08/2018

Jibril Rajoub

Dichiarazioni che avevano fatto rumore e non potevano passare inosservate. A quasi tre mesi dalla sua dura presa di posizione contro l’ArgentinaJibril Rajoub – presidente della Federcalcio palestinese – è stato squalificato dalla Fifa da ogni competizione calcistica per un anno, con l’accusa di incitamento all’odio. L’uomo si era scagliato contro la Nazionale albiceleste che lo scorso giugno, in vista del Mondiale, avrebbe dovuto giocare un’amichevole in Israele contro la Nazionale locale.

LEGGI ANCHE > Tania Cagnotto smentisce il suo ritorno per Tokyo 2020: «Mi alleno per me, non per le Olimpiadi»

«Bruciate tutte le maglie di Messi e anche i suoi poster», aveva tuonato Jibril Rajoub al popolo arabo che vive in quella terra di conflitto che è si sviluppa attorno alla Striscia di Gaza. Un duro monito, una richiesta di boicottaggio e una minaccia nei confronti del giocatore più rappresentativo della Nazionale albiceleste. La colpa della stella del Barcellona, secondo il presidente della federcalcio Palestinese, sarebbe stata quella di giocare una partita in un territorio non riconosciuto contro una Nazionale non riconosciuta. Per evitare problemi, l’Argentina decise di annullare quell’amichevole in Israele e proseguire nella preparazione ai Mondiali di Russia 2018 in altri lidi.

Jibril Rajoub, l’uomo che chiese di bruciare le maglie di Messi

Per Jibril Rajoub, che aveva scritto anche a Claudio Tapiapresidente della Federcalcio argentina – gli israeliani avevano organizzato quella partita amichevole come strumento politico per la celebrazione dei 70 anni dello Stato di Israele. Per questo, attraverso un video sul proprio canale Facebook, aveva dichiarato: «Il governo israeliano sta cercando di dare una portata politica ad un evento sportivo insistendo sul fatto che si giocherà a Gerusalemme. Lanciamo una campagna contro la Federcalcio argentina, Messi ha molti milioni di fan nei Paesi arabi e musulmani: se scenderà in campo contro Israele, chiediamo a tutti di bruciare le sue magliette e i suoi poster».

Jibril Rajoub, la squalifica di un anno inflitta dalla Fifa

La Nazionale albiceleste, quindi, non disputò mai quella partita e la soddisfazione di  Jibril Rajoub è stata enorme. Fino a poche ore fa, quando la Commissione disciplinare della Fifa ha deciso di bandirlo per un anno da ogni manifestazione calcistica.

 

(foto di copertina: Shadi Hatem/APA Images via ZUMA Wire)