Daisy Osakue andrà a Berlino
|

Daisy Osakue ce l’ha fatta: parteciperà agli europei di Berlino

Andiamo a Berlino, Daisy. Potremmo parafrasare il Fabio Caressa telecronista dei mondiali del 2006 per esprimere il sollievo nei confronti di Daisy Osakue, l’atleta lanciatrice del disco azzurra che ha subito un’aggressione tra domenica e lunedì a Moncalieri. Daisy era stata raggiunta da un uovo in faccia, che le aveva provocato una seria abrasione all’occhio sinistro.

LEGGI ANCHE > L’aggressore di Daisy, figlio di un consigliere del PD: «Eravamo al mare, non ho avuto tempo di avvisare i miei»

Daisy Osakue andrà a Berlino, l’ok dei medici

L’infortunio, in un primo momento, aveva messo a serio rischio la partecipazione di Daisy Osakue agli europei di atletica leggera di Berlino, che si svolgeranno dal 6 al 12 agosto nella capitale tedesca. La lanciatrice del disco farà parte della pattuglia azzurra, dal momento che – in base a quanto appreso dall’agenzia di stampa Ansa – ha ricevuto l’ok dei medici.

Daisy Osakue, insomma, farà parte della pattuglia di 89 atleti azzurri (49 uomini e 40 donne) che prenderà parte alla rassegna continentale. È la seconda squadra di sempre per numero di atleti che parteciperà a una manifestazione sportiva del genere: soltanto a Monaco 2002 gli azzurri erano in numero maggiore (95). Insomma, un sospiro di sollievo bello grosso: Daisy Osakue, a causa di una stupida goliardata, rischiava di non poter prendere parte all’evento in uno dei momenti migliori della sua carriera.

Daisy Osakue andrà a Berlino, lo spavento e la determinazione

Immediatamente dopo l’aggressione subita a Moncalieri, infatti, Daisy aveva affermato: «Farò di tutto pur di essere presente a Berlino, l’evento è troppo importante». Le dichiarazioni del presidente del Coni Giovanni Malagò di qualche giorno fa, tuttavia, avevano messo un freno all’ottimismo. Ora, però, la paura sembra essere passata: Daisy Osakue, che con il suo 59,72 m ha stabilito il record italiano promesse (quarta miglior prestazione di sempre tra le discobole italiane) potrà difendere il tricolore. Con orgoglio.

FOTO: ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO