Mondiali: la presidente croata con il volo di linea, Salvini con quello di Stato (ma poi smentisce)

di Redazione | 16/07/2018

Salvini volo di Stato

Dopo Francia-Croazia, finale del mondiale di Russia 2018, tiene banco in Italia la polemica sulla presenza in tribuna a Mosca di Matteo Salvini. Il leader della Lega, che ha dichiarato apertamente di aver fatto il tifo per la Croazia, in aperto contrasto con l’esultante presidente transalpino Emmanuel Macron e per sottolineare il nazionalismo croato e la presenza di soli calciatori autoctoni.

LEGGI ANCHE > Russia 2018, Salvini tiferà Croazia: «E se vedo Macron in tribuna, me ne vado in curva»

Salvini volo di Stato per andare a Mosca e vedere Francia-Croazia?

Matteo Salvini si è recato a Mosca per assistere dal vivo alla finale del mondiale di calcio 2018. Per fare ciò, secondo quanto denunciato da diversi esponenti del Partito Democratico, avrebbe utilizzato un volo di Stato. Insomma, non sarebbe la prima volta nella storia della Repubblica – anzi – che un leader politico con incarichi di governo benefici di un volo di Stato per partecipare a un evento di carattere sportivo. Ma la modalità utilizzata da Salvini avrebbe fatto discutere, specialmente dopo i tanti proclami del governo di cui è rappresentante sul taglio agli sprechi. Storica, in modo particolare, fu la crociata del Movimento 5 Stelle – principale alleato di governo della Lega – contro l’aereo di Stato utilizzato da Matteo Renzi per farlo viaggiare durante i suoi incontri istituzionali e per assicurargli la partecipazione a eventi di carattere internazionale (come la finale degli US Open tra due tenniste italiane, Flavia Pennetta e Roberta Vinci).

In ogni caso, nella mattinata – al montare delle polemiche -, Matteo Salvini ha precisato: «Non c’è stato nessun volo di Stato, sono arrivato su un normalissimo volo di linea». Inoltre, il ministro dell’Interno ha affermato che la sua presenza era stata organizzata dalla Fifa e ha voluto fare i complimenti alla Russia per l’organizzazione della manifestazione. Il quotidiano Il Tempo, inoltre, ha pubblicato il biglietto con cui Matteo Salvini si sarebbe recato in Russia: il volo d’andata sarebbe stato preso alle 8 di mattina (compagnia Air Italy), mentre il volo di ritorno si sarebbe tenuto lunedì 16 luglio con partenza da Mosca alle 14.30 (compagnia Aeroflot Russian Airlines).

Salvini volo di Stato? La presidente croata volo di linea

La polemica è ancor più stridente se si pensa all’iter seguito dalla presidente croata Kolinda Grabar Kitarovic – direttamente coinvolta dall’evento, perché la nazionale del suo piccolo Stato ha disputato una storica finale – per poter essere in tribuna a Mosca. Innanzitutto, la presidente ha dovuto chiedere un permesso speciale (non pagato) per potersi assentare dal suo Paese e poter essere allo stadio per assistere alla partita. Inoltre, la massima carica istituzionale croata ha utilizzato un volo di linea per raggiungere la Russia.

Inoltre, la sua presenza era molto più giustificata di quella di Matteo Salvini. La Croazia ha raggiunto un risultato storico che entrerà a far parte della cultura popolare del Paese. L’Italia, invece, non è stata direttamente coinvolta nella manifestazione calcistica. Trova le differenze.