Mamma CR7
|

La mamma di CR7 illude gli juventini: «Tutto pronto per domani». Ma inaugura un ristorante

I tifosi della Juventus sono rimasti a bocca asciutta. A meno che non siano amanti della cucina brasiliana/portoghese. Erano entrati in fibrillazione dopo il post scritto dalla mamma di Cristiano Ronaldo, Maria Dolores Aveiro, che annunciava sibillina «Tutto pronto per domani».

LEGGI ANCHE > La stampa spagnola: Cristiano Ronaldo sta cercando casa a Torino già da due settimane

Mamma CR7, l’annuncio importante su Instagram

Já quase tudo pronto para amanhã 🇧🇷❤️ #CasaAveiro

Un post condiviso da Maria Dolores (@doloresaveiroofficial) in data:

Mamma Cr7, il vero motivo dell’annuncio importante

I supporters della Vecchia Signora avevano pensato al giorno giusto per Cristiano Ronaldo alla Juventus, con le visite mediche di rito e la conseguente firma su un contratto milionario. Ma invece non è andata così. Nella giornata del 5 luglio, infatti, la signora Aveiro ha inaugurato il suo ristorante, Casa Aveiro, a Gramado una città del Brasile. L’apertura al pubblico, poi, sarà fissata per il 9 luglio (lo comunchiamo a scanso di nuovi equivoci social).

A inauguração é dia 5 mas a abertura ao público é dia 9. @casaaveiro 🇵🇹❤️🇧🇷

Un post condiviso da Maria Dolores (@doloresaveiroofficial) in data:

Indipendentemente dalla mamma CR7, l’operazione Ronaldo-Juve sembra avanzata

Niente ufficialità per l’operazione di calciomercato più attesa dell’estate 2018. Cristiano Ronaldo resta sempre molto vicino alla Juventus, anche dopo le ultime notizie riportate da Marca, che ha parlato di malumori dell’attaccante dopo la valutazione di 100 milioni da parte del Real Madrid per la sua clausola rescissoria.

Le voci che arrivano da Torino parlano di visite mediche che sarebbero state fissate presso lo JMedical Center già per la giornata del 7 luglio, che la Juventus verserà i 100 milioni al Real Madrid e altri 20 milioni al procuratore storico Jorge Mendes. Sempre secondo questi rumors, Cristiano Ronaldo sarà il volto degli sponsor FCA e avrebbe anche una percentuale sui guadagni delle magliette con il suo nome vendute in tutto il mondo. Un’operazione che, soltanto qualche giorno fa, sembrava fantascientifica. E che, al netto di inaugurazioni di ristoranti, sembra davvero a un passo dalla chiusura.