Merkel culona
|

Libero sulla Merkel: «La culona si è sgonfiata»

Le scelte di Libero nell’impaginazione del quotidiano non hanno mai brillato per particolare eleganza. Questa volta, l’obiettivo è Angela Merkel, cancelliera tedesca che sta attraversando una fase politica estremamente delicata, con la possibile scissione – e la conseguente uscita dal governo – dello storico partner Csu, rappresentata dal ministro dell’Interno Horst Seehofer. Quest’ultimo ha minacciato le dimissioni perché non condivide la linea politica sui migranti della cancelliera.

LEGGI ANCHE > Germania, Angela Merkel balla. Seehofer vuole dimettersi da ministro dell’Interno

Merkel culona, l’orrenda prima pagina di Libero

La stampa di mezzo mondo, quindi, ha indugiato su questa fase molto delicata della vita politica della Merkel. Ma Libero – come pochi – è riuscito a pungere con il suo solito repertorio offensivo e sessista. Il titolo a centro pagina, con tanto di fotografia a tema, recitava: «La culona si è sgonfiata». Nell’immagine, la Merkel di spalle veniva ripresa dal bacino in giù, di spalle. Mai allusione, insomma, fu più esplicita.

C’è da dire, ovviamente, che il copyright non è del direttore di libero Vittorio Feltri. Nel titolare l’articolo firmato da Renato Farina, infatti, la redazione del quotidiano si è servita di una citazione di Silvio Berlusconi che, al tempo dei suoi exploit internazionali, definì Angela Merkel «culona inchiavabile».

Merkel culona, il repertorio berlusconiano di Libero

La scuola berlusconiana, ormai tramontata dal punto di vista politico, sembra resistere – invece – per quanto riguarda le massime da bar con cui vengono «arricchiti» certi organi di informazione. E nemmeno l’attacco del pezzo è dei migliori: «Stanno trattando Angela Merkel, povera cocca, come uno straccio bagnato, la sbattono sull’asse, per spremerle le lacrime e strapparle infine la resa e l’ospizio domestico».

Se fosse toccato a un uomo vivere la stessa situazione di stallo politico sperimentata da Angela Merkel, l’aspetto fisico sarebbe stato una discriminante per imbastire un titolo di giornale?