La storia della ragazza 14enne che filma il raid dei camorristi e li fa arrestare

di Redazione | 30/06/2018

camorristi

Una ragazza 14enne di Quarto ha filmato il raid di alcuni camorristi presso l’abitazione di un suo parente, che è stata distrutta, e grazie alle sue immagini la polizia è riuscita a risalire agli autori del terribile gesto.

LEGGI ANCHE > Mafia, blitz contro i fiancheggiatori del super boss Matteo Messina Denaro

La vicenda risale all’aprile 2017 ed è stata raccontata dal Corriere della Sera:

La vicenda risale al 2017 ed è avvenuta a Quarto, paese flegreo a ridosso del territorio di Marano, dove comanda il clan camorristico che fa capo alle famiglie Polverino e Orlando. A Quarto uno dei loro uomini di maggior peso si chiama Cristoforo Candela, che si occupa di narcotraffico rifornendo di droga gli spacciatori della zona. Accanto a lui c’è sempre un altro fedelissimo della cosca Polverino-Orlando: Antonio Agrillo. I due hanno un grosso giro, e al loro stesso livello c’è anche Teodoro Giannuzzi, narcotrafficante direttamente collegato al clan di Marano. Nell’estate di un anno fa, in seguito a una perquisizione da parte dei carabinieri, Giannuzzi decide di diventare collaboratore di giustizia. […] Comincia così un’opera di dissuasione che Cristoforo Calenda conduce sia in prima persona, sia affidando l’incarico ai suoi uomini più fidati. Per convincere Giannuzzi a recedere la propria decisione, il clan si rivolge a suo suocero, Giuseppe Di Pierno, a sua volta spacciatore. In un primo momento provano a convincerlo per le buone, poi con le minacce esplicite, quindi passano alla violenza

Tra un’intimidazione e l’altra, si arriva infine alla devastazione della casa di Di Pierno, senza tuttavia fare i conti con la nipote. Che, con il suo coraggio, ha filmato tutto. Una storia di resistenza quotidiana nei confronti di atteggiamenti mafiosi che ancora oggi sono protagonisti in tutta Italia.

TAG: camorra