Cecilia Rodriguez
|

Cecilia Rodriguez e la notte in commissariato da incubo

Cecilia Rodriguez si è dovuta presentare in questura a Milano perché aveva il permesso di soggiorno scaduto.

La polizia l’ha raggiunta mentre si trovava a Capri con il fidanzato Ignazio Moser a un evento di sport e spettacolo. Il settimanale Chi ha raccontato alcuni retroscena della notte passata in commissariato.

La vacanze di Chechu a Capri si è trasformata in un incubo. La sorella di Belén chiedeva spiegazioni, era sconvolta, accompagnata dall’organizzatore di “Vip Champion Capri”, si è diretta in commissariato, uscendo dal retro dell’hotel per evitare i curiosi. Ignazio non potendola accompagnare in commissariato si è messo in contatto con lei telefonicamente, camminando agitato avanti e indietro nella zona piscina dell’hotel. In commissariato la Rodriguez è stata sottoposta a un ora e mezza di colloquio. Una volta scoperto che il permesso era davvero scaduto, il panico si è palesato sul suo volto.

Raggiunta da Fanpage Cechu ha spiegato: «Il mio permesso di soggiorno è scaduto come scade tutti gli anni», spiega. «Perché me lo danno per un anno e quindi va sempre rinnovato. Hanno voluto fare un po’ di problemi, ma scade tutti gli anni. Mi hanno beccato in quella settimana che non lo avevo rinnovato, ma avevo tempo per rinnovarlo, quindi, è tutto a posto. Hanno fatto problemi, volevano fare un po’ di storie e ci sono riusciti. Io ho il permesso di soggiorno e continuo a lavorare».

(Credit Image: © Paola Visone/Pacific Press via ZUMA Wire)