Oscar Tabarez butta via le stampelle per esultare con il suo Uruguay | VIDEO

di Gianmichele Laino | 15/06/2018

Oscar Tabarez

Ha la sindrome di Guillain-Barrè, il maestro Oscar Tabarez. L’allenatore dell’Uruguay, una vita in panchina, si muove con le stampelle, cammina a stento e segue gli allenamenti della sua squadra su una carrozzina elettrica. Eppure, quando José Gimenez ha segnato al novantesimo la rete decisiva con cui la Celeste ha superato l’Egitto nella seconda partita di Russia 2018, Tabarez si è lasciato andare a un’esultanza tutto cuore: ha buttato via le stampelle e si è alzato insieme per gridare al mondo tutta la sua gioia.

LEGGI ANCHE > La rosa dell’Egitto ai Mondiali 2018: tutti i convocati

Oscar Tabarez, il commovente video della sua esultanza

Oscar Tabarez, che malattia ha

Due passi o poco più. Questo è quello che gli ha permesso la malattia che colpisce il sistema nervoso periferico e comporta problemi al sistema motorio. Ma tanto è bastato per commuovere il mondo intero. Oscar Tabarez è uno dei volti romantici del calcio: un signore d’altri tempi, che ha dedicato gran parte della sua vita a studiare gli schemi che hanno permesso alla sua nazionale di imporsi a livello continentale e non solo.

LEGGI ANCHE > Il Mondiale e i quiz (mondiali) di mercato – L’Editoriale di Alfredo Pedullà

Oscar Tabarez, la storia

L’allenatore, infatti, siede sulla panchina della Celeste dal 1998. Dal 2000 al 2006 se ne è allontanato, salvo poi tornare e riprendere a macinare grandissimi successi. Come la Copa America nel 2011. Ora, Tabarez, oltre a lottare con la sindrome di Guillain-Barrè, deve cercare di portare a termine la missione della sua vita, quella di far arrivare il più in alto possibile al Mondiale la sua squadra del cuore. Quella della sua terra.

Ecco perché alla sofferenza fisica si è aggiunta la sofferenza sportiva, in quei lunghissimi 89 minuti impiegati dall’Uruguay per avere la meglio sugli avversari dell’Egitto a Russia 2018, nella seconda partita del Girone A. Il gol all’ultimo minuto lo ha risvegliato dal torpore e, per qualche brevissimo istante, gli ha permesso di lasciare in un angolo la malattia. Il miracolo della palla che rotola in rete.