di maio lavoro domenica
|

Le rassicurazioni di Lanzalone: «Di Maio lo vedo tutti i giorni e lo sento almeno tre volte»

Quanto Luca Lanzalone (l’avvocato genovese arrestato nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta corruzione legata al progetto per lo stadio della Roma) sia vicino ai vertici del Movimento 5 Stelle lo dimostrano alcuni passaggi delle intercettazioni finite agli atti. L’ormai ex presidente di Acea, avvicinatosi al M5S grazie all’attuale ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e affiancato alla sindaca Virginia Raggi per la vicenda dell’impianto sportivo, diceva di incontrare il capo politico Luigi Di Maio tutti i giorni e di sentirlo telefonicamente almeno tre volte.

Lanzalone a Parnasi: «Di Maio lo vedo tutti i giorni, e lo sento almeno tre volte»

Lo rivelava all’imprenditore Luca Parnasi, proprietario della società che avrebbe dovuto realizzare la struttura a Tor di Valle, anche lui arrestato, in una conversazione del mese di marzo scorso, pochi giorni dopo le elezioni politiche che hanno premiato i pentastellati e la Lega. Pochi giorni dopo le elezioni politiche. Riportano oggi Francesco Grignetti ed Edoardo Izzo sul quotidiano La Stampa:

I due si erano annusati a sufficienza sullo stadio, ma ora, una settimana dopo le elezioni, era il momento dello scambio di favori. Perciò Parnasi chiese a Lanzalone di presentargli Luigi Di Maio. Lanzalone: «Allora io vedo Luigi tutti i giorni, lo sento tre volte al giorno, l’ho visto due ore fa, lo risento domani mattina. Però in giro non lo dico, perché la prima cosa che fai… parlare poco… con nessuno…». Parnasi: «Sai, io, guarda, su questo…». Lanzalone: «Luigi è un po’ come… come Salvini… cioè molto chiuso il cerchio. Io, due, tre persone, punto… Con la gente non dire mai cose… coseee… cose che non si devono dire». Parnasi: «Io questo gli ho detto a Giancarlo… Comunque si sono fidati di me in tempi non sospetti».

 

LEGGI ANCHE > L’imprenditore Parnasi e la cena con Giorgetti: «Il governo lo sto a fare io»

 

Lanzalone, di contro, volle conoscere in prima persona l’attuale sottosegretario Giancarlo Giorgetti, che poi incontrò a cena insieme a Parnasi. L’imprenditore era felice di farli incontrare.

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / RICCARDO ANTIMIANI)