Lo stadio della Roma, il costruttore Parnasi e le domande sul clan di Ostia: «Spada com’è?»

di Redazione | 14/06/2018

parnasi

Cosa c’entra il clan degli Spada di Ostia con l’inchiesta sulla corruzione per le procedure per il nuovo stadio della Roma, che ha portato all’arresto di nove persone e coinvolge imprenditori e politici e funzionari comunali? Nelle carte spunta anche il nome del gruppo criminale romano, perché il costruttore Luca Parnasi, il proprietario della società Eurnova che sta realizzando il progetto dell’impianto sportivo a Tor di Valle, arrestato avrebbe chiesto informazioni su uno dei membri della nota famiglia mafiosa.

«Fare immediatamente questa cosa su Ostia, ma per incassare su Tor di Valle»

Tutto nasce dall’intenzione dell’imprenditore di stringere rapporto con un politico, il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Campidoglio, Paolo Ferrara, che risulta indagato. Dopo aver ottenuto il via libera per la costruzione dello stadio, Parnasi si sarebbe attivato per avvicinarsi al consigliere. «Dobbiamo capitalizzare il super rapporto che c’abbiamo co’ questo qua», è una delle sue affermazioni riportate dal giudice. Secondo l’accusa «per acquisire i favori di Ferrara», Parnasi avrebbe realizzato gratuitamente, su sua richiesta, un progetto di restyling sul lungomare di Ostia. In cambio l’esponente romano dei 5 Stelle avrebbe votato, il 14 giugno 2017, a favore della dichiarazione di pubblico interesse del progetto. Giulio Mangosi, uno dei collaboratori di Parnasi, avrebbe chiaramente messo in relazione le due cose, parlando di uno scambio: «Fare immediatamente questa cosa su Ostia, ma per incassare su Tor di Valle».

«Se si parla bene di Ostia, cala la pressione sugli Spada, e continuano a rubà»

Come riporta oggi il quotidiano Il Tempo, il gip ha spiegato:

«D’altro canto l’interesse personale e non pubblico del Ferrara nella vicenda appare evidente avuto riguardo alla circostanza che proprio il collegio di Ostia costituisce il suo bacino elettorale».

Una frase di Parnasi:

«Bisogna capire la fattibilità… chiamiamola emulsionale. In questo momento c’è la sindaca nuova, la mini sindaca di Ostia. Ostia perché è un posto infestato dagli Spada, quindi bisogna… anche gli stessi Spada sarebbero interessati a che Ostia se ne parlasse bene così si calma la pressione su di loro e continuano a rubà».

Dunque l’imprenditore sollecita il suo collaboratore a invitare a cena Ferrara, oppure a mettere in piedi altre operazioni che possano attrarne l’interesse:

«…il nostro… invitiamo a cena Ferrare sennò io farei due tre cose un po’ più emozionali».

Il Corriere della Sera inoltre sottolinea che durante un incontro tra Parnasi e Davide Bordoni, ex assessore della giunta Alemanno, l’imprenditore avrebbe confidato di meditare un abboccamento con gli Spada:

«Tu che se di quelle parti, questo Roberto Spada tu l’hai conosciuto?».

(Foto di copertina: Luca Parnasi. Fonte: da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / LUCIANO ROSSI / AS ROMA)